Matrimonio civile all’estero: come organizzarlo e cosa serve

Matrimonio civile all'estero: come organizzarlo e cosa serve
Matrimonio civile all'estero: come organizzarlo e cosa serve

Molte coppie sognano di poter celebrare un matrimonio civile all’estero in una location che piace a entrambi e che ritengono lo scenario perfetto per le loro nozze.

Si tratta di una soluzione molto romantica ed economica, ma che richiede un’accurata preparazione.

Le nostre proposte

Come destreggiarsi quindi tra burocrazia e documentazione da presentare affinché tutto si svolga nel migliore dei modi?

Continuando nella lettura di questo articolo troverete consigli e suggerimenti per organizzare il vostro matrimonio civile all’estero senza brutte sorprese.

Matrimonio civile o cerimonia simbolica

Per prima cosa dovete decidere che tipo di cerimonia volete per le vostre nozze.

Se desiderate una cerimonia simbolica allora sappiate che non serve alcun tipo di documento, ma che la cerimonia non ha alcuna valenza legale.

Se invece quella che cercate è un vero e proprio matrimonio civile, allora dovete sapere un po di cose.

Per essere valido in Italia deve essere celebrato da un italiano o da un’autorità del luogo seguendo le leggi di quel paese che non devono però essere in contrasto con quelle vigenti in Italia.

Al ritorno in Italia dovrete solo registrare le nozze all’ufficio di competenza e risulterete ufficialmente marito e moglie.

Inoltre se è vostro intento fare la divisione dei beni, dovrete presentare un atto notarile, solo l’Italia e le isole Mauritius e Cook lo prevedono nella loro legislazione.

Per fare un matrimonio civile all’estero dovrete quindi procurarvi i seguenti documenti:

  • certificati di nascita;
  • stato civile;
  • certificati di divorzio o che attesti la vedovanza;
  • passaporti.

Non tutti gli stati prevedono le pubblicazioni matrimoniali, quindi dovrete consultare l’ambasciata del luogo dove volete celebrare il matrimonio e chiedere tutte le informazioni necessarie.

Tutta la documentazione va preparata con molto anticipo, minimo sei mesi, per avere il tempo necessario di sbrigare tutte le pratiche.

Affidatevi alle persone giuste

Se non avete il tempo materiale per occuparvi di tutto quello che serve potete rivolgervi a dei professionisti del settore, sia in Italia che nel luogo dove avete intenzione di sposarvi.

Un supporto esterno vi sarà utile per compilare i documenti e per tutta la burocrazia necessaria fornendovi un supporto reale e concreto che vi permetterà di realizzare il matrimonio dei vostri sogni.

Se ad esempio non siete mai stati nel luogo che avete scelto per le nozze, affidatevi a un Destinaton Wedding, effettuerà per voi i sopralluoghi necessari e vi saprà guidare nella scelta dei posti migliori per il vostro matrimonio civile.

Se invece avete deciso di affidarvi a un agenzia per un pacchetto tutto incluso, fate bene attenzione, solitamente queste agenzie si occupano solo del viaggio, ma non della documentazione necessaria.

E voi dove avete deciso di celebrare il vostro matrimonio civile all’estero?

© Riproduzione riservata