Tutte le fasi di una relazione di coppia

Frasi coppia
Frasi coppia.

L’amore è un sentimento conosciuto da tutti e da nessuno (ecco 50 frasi sull’amore da cui lasciarsi ispirare).

Ognuno, infatti, può dire di essersi innamorato almeno una volta nella vita, anche se la scienza – e in particolare la psicologia – non è ancora riuscita a dare una risposta definitiva in merito a cosa sia l’amore e a decifrarne tutti i segreti.

Le nostre proposte

In particolare, quando si intraprende una nuova relazione con un’altra persona, è difficile se non impossibile riconoscere il limite tra il semplice stare bene insieme e l’innamoramento vero e proprio.

Oltretutto, una storia d’amore reale attraversa delle fasi che possono essere più o meno comuni tra le coppie, ma in ogni caso ben definite, il che è il risultato di un processo naturale che consiste nell’evoluzione della coppia.

Ovviamente, quando si parla di un amore reale e concreto, è bene discostarsi dalla classica fiaba che ha come oggetto la bella principessa e il principe azzurro, e lo stesso dicasi per gli stereotipi che vengono proposti dai media, i quali non sono quasi mai rappresentativi della vita vera.

Sebbene sia molto difficile, ecco quindi una possibile descrizione di tutte le fasi di una relazione di coppia.

La conoscenza e l’infatuazione

Ogni storia d’amore è un mondo a sé, e condivide poco con le altre, anche se molto probabilmente la prima fase fa eccezione. Si tratta senza ombra di dubbio della fase della storia d’amore più apprezzata dalle donne, poiché consiste nell’infatuazione e nella nascita del desiderio di spendere del tempo con l’altra persona.

Le modalità con cui una relazione di coppia comincia possono essere molto diverse. In un primo momento, può persino verificarsi la repulsione tra le due persone coinvolte: vi sarà sicuramente capitato di dire “io con lui non ci uscirò mai!”, e per alcune di voi si sarà trattato dell’uomo con il quale avete messo su famiglia.

Un altro modo bizzarro con il quale può avvenire una conoscenza è un incontro casuale, alla fermata del bus o nel proprio condominio. Vi sono poi situazioni più tradizionali, come le classiche cene con amici di amici, l’incontro sui social network e molto altro.

Al di là di come ci si conosce, con il procedere del tempo si può percepire il desiderio di stare con l’altra persona sempre di più: è il momento dell’infatuazione.

Come già accennato, l’infatuazione è indubbiamente la parte comune a quasi tutte le relazioni.

Sicuramente ricorderete di aver percepito le seguenti sensazioni:

  • rossore in presenza dell’altro;
  • farfalle allo stomaco;
  • difficoltà ad articolare le frasi e secchezza della bocca;
  • attrazione sessuale nei confronti della persona;
  • batticuore;
  • tremore.

Queste sensazioni possono protrarsi a lungo durante la conoscenza, e si tratta di una condizione normale: significa semplicemente che l’altra persona è realmente in grado di suscitare il vostro interesse.

La fase più importante: il dialogo

Dopo i primi appuntamenti in cui si vive l’ebrezza del momento e ci si sente con il cuore leggero, si deve ovviamente affrontare la realtà: la persona che si ha di fronte è un perfetto estraneo.

Si avverte quindi l’esigenza di conoscere qualcosa in più della vita, delle passioni e degli interessi del partner, e ciò dà vita a infinite chiacchierate, dichiarazioni sentimentali, descrizione delle abitudini e dei propri modi di fare e molto altro.

È a questo punto che può scattare una scintilla che forma un legame empatico tra le due persone, il quale va oltre la semplice eccitazione mentale e corporea tipica dell’infatuazione. Con il dialogo si può entrare nella fase successiva della relazione di coppia, anche se non è detto che ciò avvenga: si tratta letteralmente di un crocevia, che può condurre verso la separazione o verso il definitivo consolidamento della coppia in quanto tale.

Il ruolo dell’ego

Nei primi momenti, è bello dar spazio alle parole e alle esigenze del partner, che dunque si sente protagonista e punto cardine della propria vita. Proprio per questo motivo la fase di dialogo, in cui si approfondisce molto la conoscenza dell’altra persona, può durare a lungo. Tuttavia, l’essere umano pensa prima di tutto al suo benessere, e ciò provoca l’apertura di un vaso di Pandora, dal quale esce un unico, ma grandissimo, male: l’ego.

In questa fase le parole dell’altra persona iniziano a diventare meno importanti, meno significative; molte persone dichiarano di sentire il desiderio impellente di uscire dall’idea di essere un tutt’uno con l’altro e di riprendere in mano la propria vita.

Questo pensiero, a causa del quale la relazione di coppia perde importanza, provoca in molti casi la decisione di intraprendere azioni alle quali il partner si oppone, il che dà vita alle prime vere litigate.

Durante le prime frizioni e i primi scontri, capita non di rado di conoscere un lato dell’altra persona inaspettato, come una sorta di faccia diversa dalla “solita”, e ciò provoca un senso di disorientamento che molte di voi conoscete bene.

La fase di stabilità

Se in seguito alle fasi precedenti avete deciso di continuare la vostra relazione di coppia con il vostro compagno, probabilmente avete raggiunto quella che viene definita come “fase di stabilità“. È a questo punto che si conoscono profondamente le abitudini e le passioni dell’altro, e si raggiunge un compromesso ideale per evitare litigate inutili e dissapori che possono rovinare bei momenti trascorsi insieme.

Naturalmente, non mancano anche in questa fase alcuni litigi, che possono stimolare la crescita della coppia, ma in generale si tratta di una fase in cui si vive bene insieme e in cui l’amore cresce.

La condivisione degli spazi e la maturazione dell’amore

Non si può mai dire di conoscere veramente una persona finché non si condividono gli spazi con essa. È proprio questo presupposto che definisce una fase della relazione critica, caratterizzata in molti casi da litigi, incomprensioni e disguidi: la convivenza.

Ognuno, nella vita, ha i propri spazi e le proprie esigenze, e la condivisione di aree con un’altra persona può generare problemi, rompendo gli equilibri instaurati con tanta fatica. Si tratta quindi di un momento estremamente delicato, ma al contempo utilissimo per la relazione di coppia.

Se però la vostra storia d’amore ha resistito finora, probabilmente si tratta di un sentimento vero, destinato a durare per sempre. Sono poche, infatti, le situazioni che possono alterare una relazione di coppia così ben consolidata.

È vero, in questa fase le farfalle allo stomaco non si sentono più, non si arrossisce quando l’altro rivolge la parola e non si hanno più i tremori prima di un appuntamento o un bacio, ma la storia è giunta a un livello superiore, ambito da tutte le coppie: si iniziano a condividere momenti della vita, belli e brutti, e ad arricchire il bagagio delle esperienze comuni. Al di là di come può finire la storia, nessuno potrà privarvi dei ricordi e delle emozioni condivise lungo questo viaggio.

© Riproduzione riservata