Come organizzare un matrimonio

Per organizzare matrimonio dei propri sogni, non è impossibile, ma basta seguire delle regole ben precise che possono aiutare.

Il matrimonio è uno dei sacramenti più importante nella religione cattolica, infatti con esso si unisce due persone che si amano e solo la morte potrà dividere. L’organizzare matrimonio è dura proprio perché deve essere programmato almeno un anno prima e bisogna anche scegliere tutto quello che occorre per celebrarlo.

Le nostre proposte

Quale rito scegliere

Per organizzare matrimonio, una volta scelta la persona con cui passare il resto della vita, bisogna solo decidere con quale rito celebrare il matrimonio. I riti tra cui si può scegliere sono:

  1. Matrimonio cattolico. Questo rito una volta era il più utilizzato perché tra i più tradizionali. Oggi, invece viene scelto in modo più ragionato e attraverso questo sacramento i due sposi si impegnano a mantenere e nutrire il loro interesse. Giurando davanti a Dio di essere fedeli sia con il corpo che con la mente cercando sempre di mantenere il rapporto sullo stesso livello. Secondo questo rito la prima cosa da fare è la scelta della chiesa, che solitamente è quella del paese in cui i due sposi provengono. Poi seguiranno un corso prematrimoniale, dove verranno affisse le pubblicazioni del matrimonio e la cosa più importante sarà il luogo dove essi faranno giuramento. Di solito queste pratiche devono essere avviate circa 8 mesi prima e se la chiesa è molto utilizzata, i tempi si possono allungare. Il rito del matrimonio cattolico ha valenza anche civile, infatti il prete leggerà gli articoli del codice civile che regolano questo rapporto;
  2. Matrimonio civile. Oggi è il più celebrato proprio perché è molto più veloce ed economico. In questo caso viene celebrato dall’Ufficiale di Stato Civile, che in presenza dei testimoni scelti dagli sposi, leggerà gli articoli che regolano le forme legali e amministrative dell’unione in atto. I documenti che servono per organizzare matrimonio sono l’atto di nascita e il certificato contestuale, in cui si legge la residenza, lo stato libero e la cittadinanza. Questo matrimonio può essere celebrato ovunque si voglia, ad esempio in una fattoria, su una spiaggia, su una montagna l’importante è che sia effettuato dentro il territorio nazionale. Se invece lo si vuole celebrare all’estero, bisogna contattare l’Ambasciata o il Consolato a seconda del paese in cui ci si trova;
  3. Matrimonio misto. Questo rito fu introdotto nel 1970 da Papa Paolo VI, il quale volle che anche una persona non credente potesse sposarsi in Chiesa. Il contratto che si stipula, a differenza di quello cattolico, è da una parte civile e una cattolica, infatti le formule usate durante la celebrazione, per quanto riguarda il coniuge non credente, non verrà mai menzionato Dio.

Cosa fare sei mesi prima

Ci sono alcune cose che vanno fatte esattamente sei mesi prima del matrimonio e sono:

  1. L’abito di nozze. Il vestito nuziale solitamente è quello più difficile da scegliere perché ne esistono davvero tanti e la confusione prende il sopravvento. Questo è dovuto alla paura di non trovarlo in tempo, ma per fortuna grazie alle persone che lavorano all’interno dei saloni si trova sempre l’abito perfetto;
  2. Le partecipazioni. Devono essere scelte in base alla forma, colore, frasi da scrivere e soggetti. Vanno ordinate circa sei mesi prima del matrimonio, così facendo permettono di inviarle agli invitati in tempo senza disguidi;
  3.  Gli addobbi. Questo non è un particolare da dimenticare, infatti bisogna contattare gli esperti nel settore cioè i fiorai che possono occuparsi di tutto e consigliare le scelte migliori per i fiori e tutto il resto;
  4. La lista nozze. E’ un elemento che non tutti utilizzano, ma se si vuole creare una lista basta decidere con il futuro marito cosa inserire così da poter permettere agli invitati di scegliere il regalo perfetto per voi;
  5. L’auto. Il dettagli dell’ auto è importante come il resto, infatti la scelta di essa deve essere effettuata subito senza posticipare perché si rischia di non trovare più quella che preferiamo;
  6. Il viaggio di nozze. Dovete solamente recarvi in un’agenzia viaggi e scegliere insieme il luogo dove passare la vostra luna di miele;
  7. L’acconciatura. E’ un particolare davvero critico perché cercare di capire come si voglia fare i propri capelli in un contesto del genere porta davvero molta agitazione. Per questo motivo dovete assolutamente affidarvi al vostro parrucchiere di fiducia;
  8. Lo spostamento degli invitati. Questo punto è significante perché si deve cercare di essere i più semplici possibili nel far spostare gli invitati dalla chiesa al ristorante senza che qualcuno rimanga un po’ spaesato;
  9. Il corso prematrimoniale. Deve essere per forza fatto se si utilizza il rito religioso, infatti bisogna informarsi presso la propria parrocchia e svolgerlo con il futuro marito;
  10. La promessa di matrimonio. In questo caso bisogna iniziare a preparare i confetti e le bomboniere che verranno consegnate a tutti gli invitati.

Cosa sceglie lo sposo

In realtà lo sposo non aiuta molto nell’organizzare matrimonio, ma partecipa aiutando a scegliere alcune cose. Ad esempio:

  • Lo sposo aiuta ad impostare il budget;
  • Aiuta nello scegliere chi invitare;
  • Partecipa sicuramente alla scelta dei cibi e dolci;
  • Aiuta a scegliere la location;
  • Partecipa alla scelta della data;
  • Sceglie il suo abbigliamento;
  • Seleziona la musica e l’orchestra giusta;
  • Seleziona il viaggio di nozze con la sua futura moglie.

Come scegliere la data

I più superstiziosi ovviamente scelgono la data del loro matrimonio in base a quello che secondo la superstizione sarebbero mesi e giorni più fortunati. Per chi non segue queste cose ci sono alcuni consigli di cui si può tener conto:

  • La stagione preferita. Ognuno di noi ha una preferenza di temperature e di stagioni, quindi in questo caso affidatevi all’istinto;
  • La disponibilità della location. Ovviamente prima di tutto va valutata la location e cioè quando essa è disponibile ad ospitare l’evento;
  • La meta del viaggio di nozze. Il viaggio di nozze deve essere scelto facendo combaciare il tutto e prenotandolo in tempo senza farsi scappare il paese in cui avevate puntato;
  • Il giorno da scegliere. Il giorno più gettonato è il sabato perché permette a tutti di esserci senza dover rinunciare ad andare al lavoro;
  • Il budget fissato. Bisogna valutare anche il budget che si ha perché in alcuni mesi dell’anno si paga di più che in altri.
© Riproduzione riservata