Il matrimonio in Sicilia: ecco 5 romantiche tradizioni

Matrimonio in sicilia

Tradizioni del matrimonio italiano: alla scoperta delle usanze siciliane

Quanto è bella la Sicilia. Tanto grande, intensa e suggestiva da travalicare ogni stereotipo. La sua particolare posizione al centro del Mediterraneo ne ha fatto nei secoli il punto di approdo di civiltà lontane e diverse: Greci e Romani, Arabi e Normanni l’hanno conquistata e amata, lasciando segni indelebili del loro passaggio nell’architettura, nelle usanze e nella cultura. Idee e tradizioni che si sono trasformate, fondendosi con quelle delle popolazioni autoctone. La Sicilia mostra con orgoglio i segni di questa lunghissima storia e la narra attraverso quei costumi che la rendono unica e affascinante, così come particolari e suggestive sono le usanze del matrimonio tradizionale siciliano. Scopriamole insieme!

Il mare: protagonista perfetto del matrimonio in Sicilia

Cosa c’è di più romantico di un tramonto roseo al dolce suono dello sciabordio delle onde? Il profumo del mare, di agrumi e zagare accompagna ogni matrimonio celebrato sulla spiaggio o in barca: una delle più belle usanze matrimoniali siciliane. E per la scelta della location c’è semplicemente l’imbarazzo della scelta: Taormina e Giardini Naxos, con le spiagge di Isola Bella e Mazzarò che incantano i turisti di tutto il mondo, le Isole Egadi e le Eolie, con la loro bellezza abbagliante, o la sabbia bianca di Capo Bianco, incantevole insenatura tra Sciacca e Agrigento.

Le nostre proposte

L’abito nuziale di un classico matrimonio in stile siciliano

Il vestito delle nozze porta con sè suggestioni e simboli che si trasmettono nei secoli e anche in questo il matrimonio tradizionale siciliano riserva sorprese: non sempre, infatti, la consuetudine richiedeva il classico colore bianco. Se le spose di Terrasini sfoggiavano un romantico azzurro, a Siracusa il celeste si arricchiva di colori più intensi: il giallo del crocifisso d’oro che pendeva dalla tipica collana di corallo rosso. Più elaborato l’abito indossato dalle spose di Milazzo: larghe maniche azzurre rendevano ancora più elegante un vestito dall’ampia gonna azzurra, decorato con abbondanza di nastri, collane, anelli e perle. Un tripudio di eleganza e romanticismo!

Matrimonio siciliano e tradizioni familiari

Come in ogni storia siciliana che si rispetti la famiglia è parte integrante del matrimonio tradizionale siciliano. L’usanza di esporre in bella vista i regali di nozze, insieme ai biglietti che ne rivelavano gli autori, era tipica di un’epoca in cui era molto importante mostrare agiatezza economica. Un retaggio che fino agli anni ’90 resisteva nel costume di “iri à vidiri ù lettu a li ziti” (“andare a vedere il letto dei futuri sposi”). Gli sposi aprivano le porte di casa a parenti, amici e semplici curiosi e la dimora restava illuminata tutto il giorno. Il letto nuziale, preparato dalla mamma della sposa con le candide lenzuola del corredo, faceva bella mostra di sè insieme alle fedi, appoggiate su un piccolo cuscino finemente ricamato. Resta oggi l’abitudine di portare i doni agli sposi qualche giorno prima delle nozze: leccornie siciliane vengono offerte agli ospiti e i loro regali posti sempre bene in mostra!

La collettività nelle tradizioni del matrimonio in Sicilia

La comunità riveste un ruolo di primo piano nel matrimonio tradizionale siciliano: l’abbondanza delle portate e lo sfarzo del ricevimento mostrano il desiderio di far bella figura con la collettività! Era costume, ad esempio, che parenti e amici accompagnassero gli sposi fino alla nuova dimora e la mamma della sposa rimaneva con loro per prestare eventuale ausilio alla novella moglie. E che dire del “compare d’anello“? Ancora oggi colui che dona le fedi agli sposi stringe con loro un legame profondo e duraturo. La tradizione influenza anche la data del matrimonio: secondo gli antichi romani Maggio e poi, con l’aggiunta di due mesi al calendario, Agosto erano gli ultimi mesi dell’anno, dedicati alla commemorazione dei defunti: meglio allora scegliere altri periodi, in ossequio alla grande storia della nostra splendida Sicilia.

© Riproduzione riservata