Il lancio del riso dopo il matrimonio: qual è il significato?

Lancio del riso agli sposi.

Lanciare il riso sugli sposi all’uscita della chiesa, è un’usanza ormai consolidata alla quale nessuna coppia vuol proprio rinunciare. Parenti e amici armati di coni e sacchetti in tulle (esiste anche il riso che non macchia), attendono i novelli sposi sull’uscio dell’edificio religioso, pronti all’attacco con pugni stracolmi di chicchi di riso. La tensione della cerimonia nuziale viene subito smorzata in un boato di gioia e allegria, grazie a questo rituale simpatico, e in realtà anche un po’ strampalato.

Ma perché si lancia il riso agli sposi? Da dove nasce questa usanza?

Le nostre proposte

Le origini del lancio del riso agli sposi

Gettare tanti chicchi di riso sulla coppia di sposi è una consuetudine molto antica, che ha origini molto lontane.

Le tesi più accreditate attribuiscono il lancio del riso alla tradizione cinese. Secondo la leggenda orientale, durante un prolungato periodo di carestia, il Genio Buono commosso dalla fame e dalla sofferenza degli abitanti, decise di privarsi dei suoi denti per seminarli sui campi.

Lo stesso Genio, suggerì ai contadini cinesi di irrigare i campi con abbondante acqua, e dopo poco tempo i piccoli denti bianchi si trasformarono in semi che diedero vita a fitte piantagioni di riso.

Un’altra teoria sull’origine del lancio del riso nasce dalla civiltà Romana. Nell’Antica Roma gli sposi venivano cosparsi con pioggia di grano, sostituito successivamente con riso, per augurare alla nuova famiglia, abbondanza e fertilità.


E se non si vuole utilizzare il riso?


Le nuove tendenze del lancio del riso

Per secoli e secoli le coppie di novelli sposi hanno incentivato i loro ospiti a rispettare la fortunata tradizione del lancio del riso, facendo distribuire mucchietti di riso da damigelle e paggetti.

Molte spose, aiutate da amiche e sorelle, realizzano a mano dei coni di carta colorata o dei sacchetti in tulle pieni di riso, da distribuire ai partecipati alla fine della cerimonia nuziale.

Il classico augurio di prosperità e abbondanza in alcuni matrimoni, subisce delle piccole rivisitazioni dovute alle nuove tendenze in voga. Per scongiurare scivoloni o macchie indelebili sugli abiti eleganti, i tradizionali chicchi di riso vengono rimpiazzati da riso idrosolubile colorato, petali di rosa, semini di fiori e quadrifogli, oppure scenografiche bolle di sapone.

Cambia il contenuto da lanciare, ma resta forte il simbolo di abbondanza e prosperità, che con gioia si augura alla nuova coppia di sposi.

© Riproduzione riservata