I pro e i contro di un matrimonio all’estero

matrimonio all'estero

Da bambini a tutti è capitato di sognare ad occhi aperti il giorno del proprio matrimonio. Bisogna aspettare qualche anno perché questo sogno si ripresenti prepotentemente nella vostra vita esattamente quando il cuore vi inizierà a battere all’impazzata dinanzi all’uomo che vi ha chiesta in sposa. È proprio in questo istante che il progetto matrimoniale inizia a concretizzarsi, insieme ai mille dubbi che vi turberanno fin sul altare. Negli ultimi anni, l’alternative matrimoniali si sono moltiplicate, il matrimonio all’estero sembra essere quello più in voga nelle giovani coppie. Gli inguaribili romantici sognano di pronunciare il loro Sì in mete oltreoceano, lontano da tutto e da tutti, su spiagge selvagge o paesi ricchi di tradizioni e culture. Tra le destinazioni più ambite ci sono i paesi caldi e le isole come le Mauritius e i Caraibi.

Indipendentemente dalla meta che sarà scelta, l’idea di un matrimonio all’estero ha alcuno vantaggi: uno fra tutti è il connubio perfetto tra preparativi per la cerimonia e il viaggio di nozze, evitando così un doppio stress come avviene nei matrimoni tradizionali in Italia. Un altro vantaggio dello sposarsi all’estero è quello di essere liberi da alcune incombenze come scegliere il ristorante, il fioraio o chiedere preventivi ai professionisti del settore. Per organizzare un matrimonio all’estero basta una valigia alla mano e qualche intimo amico. Questo tipo di matrimonio lo potremmo definire low cost, infatti rispetto ai parametri economici Italiani, le spese che incidono maggiormente sono quelle relative al viaggio precisamente il volo e il pernottamento in hotel, mentre tra le spese extra si deve includere quelle di traduzione dei documenti necessari a validare il matrimonio.

Le nostre proposte

Pianificare le nozze in un paese straniero non richiede nessun ausilio tanto meno quello di un Wedding Planner o di una agenzia di viaggio specializzata nell’organizzazione del giorno più bello. Potrete organizzare tutto dalla A alla Z da soli, non dimenticatevi tanta pazienza e possibili imprevisti. Per il resto, non vi rimane che preparare la valigia e dire Sì. Se ti stai chiedendo i pro e i contro di una scelta così coraggiosa, la presenza di tanti elementi a favore per il matrimonio oltreoceano rispetto a quello nel bel Paese, ti lascerà di stucco! Continua a leggere e scoprirai che i pro sono senza ombra di dubbio molto di più rispetto a quello che immagini. Di contro si deve dire che questa scelta matrimoniale non permetterà ai vostri numerosi amici e parenti di essere presenti alla cerimonia, per ovvi motivi logistici. Pertanto consigliamo di aggiungere alla spese extra un buon servizio video fotografico da far vedere al rientro ai vostri cari.

matrimonio all'estero

I documenti necessari per validare il tuo matrimoniale all’estero

Il matrimonio celebrato da un cittadino Italiano all’estero presuppone un iter burocratico particolare affinché il matrimonio sia riconosciuto valido in entrambi i paesi. Il matrimonio tra due italiani o tra un italiano e un cittadino straniero perché possa essere celebrato all’estero deve rispettare le norme previste della nazione di appartenenza degli sposi, solo così il matrimonio potrà essere considerato valido e produrre immediatamente gli effetti sperati a livello di ordinamento civile.

Appurato che un cittadino italiano può contrarre matrimonio all’estero sia con un altro cittadino italiano che con un cittadino straniero e che in entrambi i casi gli sposi dovranno sottostare alla legislazione del paese di appartenenza. Nell’atto praticolo, la celebrazione del rito potrà essere svolta dinanzi a tre diverse figure: ad un’autorità straniera locale, ad un rappresentante religioso o ad una autorità diplomatica consolare.

Nel caso di matrimonio dinanzi all’autorità del paese straniero, in alcuni casi è richiesto un attestato in merito alla capacità matrimoniale degli sposi. E proprio in merito a questo, l’Italia insieme ad altri paesi ha siglato nel 1980 la Convenzione di Monaco fissando norme comuni per il rilascio di questo tipo di documentazione, di norma rilasciato dalle autorità competenti ed utilizzato per la celebrazione del matrimonio all’estero. In Italia questo tipo di certificato ha una validità temporale di sei mesi e viene rilasciato dall’ufficiale di stato civile. Per gli stati non aderenti alla Convenzione di Monaco deve essere richiesto un nulla-osta all’autorità competenti.

Copia dell’atto sarà debitamente trasmessa dall’autorità consolare Italiana all’ufficio di stato civile che provvederà alla trascrizione sul registro. Quest’ultimo atto ha natura meramente cetificativa, l’efficacia costitutiva dell’atto di matrimonio si potrà ottenere previa traduzione certificata dell’atto.
Nel caso di matrimonio dinanzi ad autorità straniere sono richieste le pubblicazioni, a meno che la nazione straniera interessata disponga diversamente. In questo caso se entrambi gli sposi sono residenti in Italia le pubblicazioni dovranno essere richieste all’ufficiale di stato civile del Comune di residenza.

In ogni caso, spetta sempre all’Autorità Consolare, decidere di celebrare il matrimonio mettendo a conoscenza i coniugi sugli sviluppi di validità o meno dell’atto nello Stato straniero e di conseguenza nella nazione di appartenenza. Lo stesso discorso va fatto in merito al matrimonio religioso all’estero, infatti il rito religioso sarà riconosciuto dalla Stato Italiano solo se produce effetti civili all’estero e dovrà essere trascritto con effetti giuridici immediati nel registro dello stato civile italiano. È un dato di fatto, confermato anche in cassazione che i matrimoni celebrati all’estero secondo il rito canonico abbiano un valore ultra territoriale quindi ritenuti civilmente validi.

Dal sogno alla realtà

matrimonio all'estero

Appurato che le nozze all’estero sono perfettamente valide, le autorizzazioni sono solitamente facilmente reperibili grazie all’anello di congiunzione svolto dall’ente Consolare con il paese di residenza. A questo punto la grande domanda in sede di realizzazione è la location ideale per celebrare le nozze. La scelta è quasi illimitata, ma non sottovalutare alcune variabili che potrebbero fare la differenza.

Della stagione e di conseguenza il clima. È un bene controllare il calendario per valutare una scelta che sia conforme tanto ai vostri desideri quanto al sito straniero prescelto. A tal fine per una organizzazione perfetta del matrimonio e non incorrere in spiacevoli inconvenienti è consigliato controllare questi particolari con l’ambasciata, solo in exstremis richiedere l’intervento di un Wedding Planner ovvero un pianificatore di nozze del paese in cui intenderete sposarvi. Così facendo vi assicurerete un matrimonio si perfetto ma soprattutto valido legalmente all’estero e in Italia, di conseguenza riuscirete a vivere i giorni dei preparativi con meno stress e panico.

Infine, ma non per questo meno importante, durante la pianificazione del vostro matrimonio all’estero dovrete decidere se se invitare o meno parenti e amici. È opportuno sapere che la scelta di un isola deserta in mezzo all’oceano come meta per convogliare a nozze, difficilmente vi permetterà di godere della compagnia di amici e famigliari a differenza di una meta più vicina e facilmente raggiungibile come un romantico castello tra i bellissimi paesaggi scozzesi dove far soggiornare tutti i parenti e gli amici per una settimana indimenticabile.

La scelta è solo vostra! proprio come la scelta di pronunciare quel Sì per coronare il tuo sogno d’amore all’estero, su una affascinante spiaggia tropicale, magari cullati dalle onde del mare, davanti ad un magico tramonto…immaginate poi lo scambio delle promesse d’amore e quello delle fedi a i piedi nudi sulla sabbia dorata, lontano da tutto e da tutti! Sono proprio questi i viaggi che troverete online sulla pagina di Voyage privè! Sul portale avrete l’imbarazzo della scelta tra tante mete in tutto il mondo a prezzi molto più che competitivi. Non aspettare! Pianifica il tuo indimenticabile matrimonio all’estero, l’unico stress sarà quello di pronunciare a gran voce il fatidico Sì, lo voglio!

© Riproduzione riservata