Galateo matrimonio: quello che devono sapere gli sposi

Galateo matrimonio: la cerimonia richiede un codice da seguire. Ecco tutto quello che devono sapere gli sposi riguardo le giuste maniere.

Il matrimonio prevede un galateo particolare. Sapete, ad esempio, quando deve arrivare la sposa? E lo sposo? Come fare per le partecipazioni? In questa guida vedremo di fare chiarezza.

Le nostre proposte

Partecipazioni scritte a mano

Nel galateo, si dice che le partecipazioni debbano essere scritte a mano. Ultimamente, ha preso sempre più piede l’idea di stamparle, ma realizzarle a mano renderà il tutto più personale e originale. Le stampate ci danno l’idea di qualcosa di preconfezionato, che combacia poco con l’idea di matrimonio.

Mandare i ringraziamenti personali

I ringraziamenti personali sono molto importanti. Deveno essere scritti manualmente e vanno consegnati personalmente o inviati agli invitati. È sempre bene scriverli a mano e, spesso, è frequente l’uso dello stesso tema delle partecipazioni. C’è chi, però, invia biglietti di ringraziamento online, facili e veloci da realizzare.

Parlare con tutti gli invitati

E’ importante parlare con tutti gli invitati alla cerimonia, non tralasciando nessuno. Ovviamente, questo è più logico nel caso in cui gli invitati siano pochi. Ad una festa con tantissimi invitati, sarà molto più difficile poter parlare con tutti. Si dovrà comunque fare il possibile affinché ciò avvenga.

Dividere equamente i costi

I costi del matrimonio saranno da dividere equamente, come noto. Non è giusto, infatti, che soltanto una famiglia decida di pagare anche per l’altra. Il corredo, gli addobbi in chiesa, gli abiti delle damigelle, il servizio fotografico, il bouquet, il ricevimento spettano alla sposa, secondo il galateo. Allo sposo, invece, spetterebbero le fedi, il noleggio dell’eventuale auto e, addirittura, anche l’acquisto della casa, sebbene in materia vi siano varie controversie.

Quando arriva la sposa

La sposa, secondo le regole del galateo, può arrivare circa 10 minuti in ritardo rispetto all’ora prevista per la cerimonia. Arriverà con un qualsiasi mezzo di trasporto, ma deve essere accompagnata dal padre oppure una persona a lei molto vicina. Questa persona dovrà aiutarla, inoltre, a scendere dal mezzo di trasporto, per effettuare poi assieme l’entrata in chiesa.

Quando arriva lo sposo

Lo sposo deve arrivare a pochi minuti dall’inizio della cerimonia. Si esige, quindi, la massima puntualità. Gli invitati dovranno già essere disposti all’interno della chiesa: quelli della sposa a sinistra e quelli dello sposo a destra. Lo sposo arriverà accompagnato dalla madre, o da chi per lei. Effettuerà l’ingresso in chiesa, ovviamente, prima della sposa.

Raramente, può essere richiesto dagli sposi l’entrata assieme. In realtà, a volte è una prassi indicata dal sacerdote, che spesso aspetta la coppia all’altare o all’ingresso della chiesa. Nel primo caso, può accadere che lo sposo attenda la sposa sul portone della chiesa, oppure l’accoglierà aiutandola a scendere dall’auto. Nell’altro caso, gli sposi andranno a raggiungere il sacerdote insieme e percorreranno la navata della chiesa insieme.

Quando arriva la mamma della sposa

Quando arriva, infine, la mamma della sposa? Questa figura deve entrare dopo lo sposo e dopo i testimoni di entrambi. Spesso può essere accompagnata dal padre dello sposo, secondo ciò che conferma il galateo. Per ciò che riguarda gli invitati in generale, si richiede la massima puntualità, prima dell’inizio della cerimonia. Le prime file, ricordiamo, sono sempre riservate ai parenti più stretti della coppia, come i genitori, i fratelli e sorelle, i nonni. Invece, i testimoni andranno ad attenderli a destra, quelli della sposa, e a sinistra, quelli dello sposo.

Questo ciò che prevede il galateo: in ogni caso, poi, ogni coppia deciderà personalmente come organizzarsi, specialmente per quel che riguarda la divisione delle spese e la realizzazioni della partecipazioni. Nei tempi più recenti, infatti, viene offerta decisamente più libertà in merito rispetto ad un tempo.

© Riproduzione riservata