Galateo matrimonio: informazioni utili per gli invitati

Galateo matrimonio: il bonton per la cerimonia di nozze non è unicamente riservata agli sposi, anche gli invitati sono tenuti a conoscere le buone maniere.

Ecco alcuni consigli dedicati agli invitati per comportarsi nel modo corretto nella giornata perfetta.

Le nostre proposte

Come vestirsi: non siate troppo vistosi

Spesso è lo stile del ricevimento ha definire e ad influire sul look da adottare. Ovviamente è fondamentale tenere in considerazione eventuali richieste specifiche da parte degli sposi.
Per i maschietti la ricerca di un abito da cerimonia è più facile, possono puntare su uno stile classico e formale che prevede giacca con tre bottoni e cravatta.

La regola vuole per l’invitata che non arrivi vestita né totalmente di bianco né di nero, se si parla di cerimonia religiosa quasi sempre il bianco è riservato alla sposa, mentre l’abito nero ha una connotazione troppo lugubre, ad eccezione delle cerimonie che si protraggono fino a sera. Esiste invece una recente tendenza che ammette l’abito bianco e nero, in ogni caso il buon senso impone che il vestito sia adeguato all’occasione perciò sono banditi i look eccentrici e le scollature vertiginose.
Riguardo alle cerimonie serali, tranne che in questo frangente e nel caso che si tratti di ricevimenti particolarmente eleganti, di solito, non si usa la veste lunga, sono consigliati gli abiti da cocktail dai toni pastello o fantasia. Evitate, infine, il rosso e se siete persone religiose ricordate di coprire le spalle in chiesa.

Lanciare il riso

Il lancio del riso è un rito propiziatorio immancabile alla fine della cerimonia nuziale che simboleggia l’abbondanza e una volta non era organizzato dagli sposi ma affidato agli stessi invitati che se ne portavano un sacchetto da casa. Oggi esistono molte valide alternative tra le quali il riso fatto apposta per i matrimoni, in quanto si ritiene che quello da cucina possa macchiare gli abiti. L e alternative posson essere: palloncini con petali di rosa, veri o finti, bolle di sapone,  coriandoli o addirittura il mangime per uccelli e sicuramente il più emozionante, la liberazione in volo delle farfalle. In questo caso state alle istruzioni degli sposi sul cosa vogliono che gli si lanci addosso.

Quando arrivare e quando andare via

Il ritardo è una prerogativa assoluta della sposa, agli invitati è fortemente consigliato di arrivare in perfetto orario. Per quanto riguarda l’orario in cui poter lasciare la festa, invece, è importante tenere a mente che è il momento del taglio della torta al banchetto nuziale che sancisce la fine della cerimonia. Prima di quell’istante, quindi, sarebbe meglio non abbandonare il ricevimento.

Il clacson

Il clacson è spesso considerato di cattivo gusto, ma in realtà non tutti ne conoscono il significato. Generalmente si ritiene che l’usanza di suonare il clacson delle auto del corteo nuziale serva per attirare l’attenzione al passaggio degli sposi, in verità questa tradizione deriva dalla convinzione che il grande chiasso provocato dai clacson possa mettere in fuga gli spiriti cattivi. In ogni caso è bene farlo in luoghi in cui non sussistono divieti come per esempio in città o nei pressi degli ospedali.

Tradizione ed innovazione si mescolano nelle scelte fatte per questo giorno tanto importante; non offendetevi, infatti, se gli sposi organizzano qualcosa di diverso o insolito per la cerimonia, in fondo è il loro giorno importante.

© Riproduzione riservata