Aiuto! Sarò testimone di Matrimonio, quali sono i miei compiti?

compiti del testimone di matrimonio

Essere chiamati a fare da testimone di matrimonio ad una coppia di sposi è un grandissimo privilegio ed onore che denota un fortissimo legame, di parentela o profonda amicizia, tra voi e gli sposi.

Letteralmente significa che gli sposi vi considerano persone di fiducia, coi quali hanno condiviso esperienze ed emozioni, siete degni di essere al loro fianco nel giorno più importante, testimoni – non solo oculari – del coronamento ufficiale del loro legame d’amore.

Le nostre proposte

Tutto ciò implica un coinvolgimento emotivo davvero importante, ma il ruolo dei testimoni di matrimonio non si esaurisce in questo. Non spaventatevi: informandovi bene riuscirete certamente a ricoprire al meglio il ruolo di cui siete investiti e a portare a termine tutti gli incarichi che gli sposi vi affideranno.

I compiti del testimone: preparazione e requisiti burocratici

Prima di tutto i testimoni di nozze dovranno affiancare e coadiuvare gli sposi nella preparazione anche pratica del matrimonio. Sarete perciò avvisati prima degli altri invitati della data delle nozze e sarete proprio voi a far da tramite tra gli sposi e gli invitati. Armatevi di tanta pazienza: a voi, ad esempio, spetterà l’ingrato compito di organizzare fin da subito (almeno) un paio di chat di messaggistica, una per gli amici o le amiche che parteciperanno all’addio al celibato o al nubilato e un’altra per dare indicazioni generali agli invitati che abbiano bisogno di chiarimenti circa orari, location, indicazioni stradali e logistiche, organizzazione del ricevimento, consigli su regali e lista nozze.

Fino a qui il ruolo dei testimoni di matrimonio rimane più che altro organizzativo, teorico più che pratico. Vediamo ora nello specifico che cosa vi competerà d’ufficio e di cosa dovrete interessarvi direttamente.
Inizialmente potreste essere preoccupati di non possedere tutti i requisiti burocratici e legali per fare da testimoni ai vostri amici sposi. Dormite pure sonni tranquilli: anche in caso di matrimonio religioso, nessuno vi chiederà di dimostrare una fede religiosa comprovata da anni di frequenza della chiesa, nè vi verranno richiesti documenti legali o attestati particolari che dimostrino i vostri sacramenti.

Dovrete solamente comunicare alcuni vostri dati anagrafici coi quali verrà compilato il registro del matrimonio, sul quale al termine della cerimonia, apporrete la vostra firma in calce, assumendovi ufficialmente la vostra parte di responsabilità civile.
Sotto l’aspetto legale non sono richiesti più di un testimone a testa per sposo e sposa, normalmente però si tende a nominare almeno una coppia di testimoni ciascuno. A volte anche di più. In ogni caso ricordatevi che il registro del matrimonio consente al massimo lo spazio per le firme di 4 testimoni. Qui si esaurisce l’aspetto legale della figura del testimone di nozze.

Testimone di matrimonio e le fedi nuziali

Per quanto riguarda la pratica, invece, il galateo imporrebbe che siano i testimoni a proporsi per l’acquisto delle fedi nuziali dopo che gli sposi le abbiano scelte. Oggi questa tradizione non viene sempre rispettata, ma resta l’abitudine da parte dei testimoni di pensare ad un regalo comunque importante: un oggetto prezioso che resti nel tempo come ricordo di questa giornata oppure una quota maggiore versata per il viaggio di nozze.
Il vostro regalo verrà probabilmente ricambiato con una bomboniera più importante, diversa da quelle che spetteranno al resto degli invitati: potrete ricevere un oggetto di design o prezioso, una bottiglia di vino millesimato, un cofanetto regalo per un week end, magari da trascorrere proprio insieme agli sposi.

Sia che l’acquisto sia stato o meno a vostro carico, sarete comunque chiamati ad essere i custodi ufficiali delle fedi nuziali durante lo svolgimento della cerimonia. Infine vi saranno affidate anche le eventuali buste contenenti offerte per la chiesa, il coro o i musicisti. Avrete quindi anche una responsabilità di tipo economico. Cercate allora di non presentarvi il giorno delle nozze con le occhiaie solcate dalla notte di follia appena trascorsa dell’addio al celibato…

Outfit del testimone di matrimonio

compiti del testimone di matrimonio

In qualità di testimoni avrete l’obbligo di essere adeguatamente vestiti, pettinati e truccati, selezionando un outfit che sia in perfetta sintonia col mood del matrimonio, con accessori scelti in base al colore o alla tipologia di ricevimento che sarà organizzato.
Il testimone dello sposo dovrà indossare un completo scuro, possibilmente blu o grigio, in tinta con le tonalità dell’abito del padre e del fratello dello sposo, con accessori in pendant: cravatta, gemelli, fiore all’occhiello. Salvo decisioni particolari degli sposi, non avrete obblighi particolari in fatto di abbigliamento. Cercate in ogni caso di apparire eleganti e non troppo appariscenti, evitando possibilmente completi sgargianti, lucidi o estremamente chiari.

La testimone di matrimonio della sposa dovrà presentarsi in abito da cerimonia, elegante e raffinato, adeguatamente truccata e pettinata. Tradizionalmente investita del ruolo di damigella d’onore, non dovrà per alcuna ragione al mondo rubare il ruolo da protagonista alla sposa.

Di cattivo gusto presentarsi il giorno del matrimonio con un abito lungo (a meno ché non sia stato esplicitamente richiesto) o dai toni eccessivamente chiari. Il bianco in tutte le sue sfumature è riservato esclusivamente alla sposa! Potrete invece intonare scarpe e accessori col colore principale della cerimonia, indossando al polso o tra i capelli qualche fiore preso in prestito dal bouquet della sposa.

Organizzazione perfetta dell’addio al nubilato o celibato

I testimoni di matrimonio sono abitualmente coloro che organizzano, in gran segreto, tutto ciò che ruota attorno alla serata dell’addio al celibato o al nubilato. Contattano gli invitati, cercando di radunare tutti coloro che gli sposi avranno piacere di aver al loro fianco nella serata, compresi parenti e amici lontani. Dovrete perciò organizzarvi per reperire tutti i recapiti e quanto prima cominciare ad organizzare l’ultima notte di follia ai futuri marito e moglie.

Potrete organizzare una serata più o meno numerosa, folle e pazza. Dovrete riuscire a mettere tutti gli invitati d’accordo su data, location e modalità organizzative, rispettando le esigenze di tutti, ma senza tralasciare le richieste (dichiarate a priori) degli sposi.

Dovrete essere voi ad organizzare eventuali trasferimenti con pullman e autobus, prenotare aerei o treni nel caso sia necessario, affittare sale o prenotare tavoli, prendere accordi per l’eventuale intrattenimento. Sembra facile e divertente. In verità è forse questo l’aspetto più insidioso del vostro ruolo da testimoni. In alcuni casi organizzare una grande festa a tema in cui tutti siano chiamati al divertimento più sfrenato, potrà rivelarsi drammaticamente difficile.

Non esagerate comunque con le follie e cercate di mantenere (e far mantenere) un minimo di decoro e di decenza. Se possibile evitate di organizzare la serata dell’addio al celibato o al nubilato troppo a ridosso della data fatidica. Meglio anticiparla di qualche tempo: occhiaie troppo marcate e odore di alcool non si addicono proprio al giorno del matrimonio, dove sia voi che gli sposi sarete tenuti ad un ruolo da protagonisti.

Divertimento assicurato grazie al testimone

compiti del testimone di matrimonio

Solitamente un altro incarico che spetta al testimone, normalmente uomo, è quello di organizzare scherzi, gag e giochi vari durante il ricevimento.
Non da ultimo, anche se la tradizione sta lentamente scemando, quello di preparare anche un breve discorso, improvvisato ma meglio se accuratamente preparato, da tenere durante uno dei brindisi. Cercate di risultare divertenti, di non tediare oltremodo gli invitati, ringraziate tutti (senza dimenticare nessuno), raccontate un aneddoto simpatico che vi lega agli sposi, ma senza mai mettere in imbarazzo nessuno. Evitate perciò racconti troppo personali o dai toni troppo accesi. Potrebbero risultare di cattivo gusto.

Durante lo svolgimento della festa nuziale dovrete essere voi a coinvolgere tutti gli altri invitati, facendo in modo che partecipino attivamente ai festeggiamenti, intonando brindisi e aiutando eventualmente il servizio di catering a far sedere ognuno al proprio posto, indicando chi deve sedersi in un tavolo piuttosto che in un altro, oppure indicando fin da subito eventuali assenze.

Non c’è dubbio, quindi, che il ruolo dei testimoni risulti di un’importanza davvero unica. Testimone di matrimonio sarà colui o colei che, per rapporto e legame con gli sposi, abbia tutte le carte in regola per affrontare con emotivo trasporto e lucida consapevolezza tutte le diverse dinamiche di un matrimonio.

© Riproduzione riservata