Le feste del mare in Italia: quali sono e quando si svolgono

Fuochi d'artificio sulla spiaggia.
Fuochi d'artificio sulla spiaggia.

Le feste del mare in Italia rappresentano delle vere e proprie tradizioni folkloristiche del nostro Paese tipicamente molto legato alla storia, agli aneddoti e alle usanze locali.

Le feste del mare vogliono esaltare questi aspetti e offrono l’occasione non solo per festeggiare qualche particolare ricorrenza, ma anche per trasmettere la storia del luogo ai tanti turisti che affollano le località balneari e di mare.

Le nostre proposte

Cosa sono le feste del mare

Le feste del mare sono momenti di festoso ritrovo presso luoghi marini, il cui scopo è quello di festeggiare qualcosa o qualcuno. Eventi e ricorrenze religiose, la pesca, rievocazioni folkloristiche e tradizionali, l’esaltazione dei gusti della tradizione culinaria del posto, la commemorazione di un personaggio che ha dato molto al territorio legando la propria vita al mare.

Il periodo in cui si è soliti vedere le feste del mare, corrisponde solitamente al periodo in cui la pesca di arresta: tale sospensione è un modo per onorare il mare e la fauna ittica, dando modo ai pesci di riprodursi regolarmente. Queste feste sono, in prevalenza, organizzate dai pescatori del luogo, quindi si spvolgono in periodi di pausa dalla pesca. A seconda della zona geografica il periodo cambia, ma nella maggior parte dei casi corrisponde sempre alla stagione estiva, da giugno a settembre, nelle diverse parti d’Italia.

Durante le feste del mare si possono gustare cibi locali con il pesce che viene servito in prevalenza e cucinato con diverse tecniche, ascoltare musica, provare a unirsi a balli e danze tradizionali, assistere a spettacoli pirotecnici. Sono molte le località che legano tali feste a ricorrenze religiose, integrando la giornata con processioni e celebrazioni liturgiche che fanno riferimento a santi e beati che presentano uno stretto legame con la città o con i pescatori (sono molte, ad esempio, le feste del mare che si tengono in giugno, nel giorno di San Pietro, Patrono dei Pescatori).

Le principali feste del mare in Italia

Le vere feste del mare si protraggono per anni, portando avanti tradizioni e aspetti tipici delle località le cui origini vanno indietro nel tempo. Sull’onda dell’entusiasmo, diversi Comuni in epoca più recente, organizzano feste che hanno prevalentemente uno scopo turistico e commerciale. Pur non essendo una vera e propria festa del mare storica, si arricchiscono le proposte dei posti di villeggiatura, anche se non rientrerebbero nella mera definizione tradizionale di festa del mare.

Diversi luoghi abbinano alla festa una regata con le barche: spettacolo per turisti da un lato, sana competizione tra pescatori e rioni del paese dall’altro.

Festa del mare di La Spezia

È una delle principali feste del mare che si hanno sul territorio nazionale e viene associata al tradizionale Palio del Golfo, dove ben 13 borgate si sfidano in acqua a colpi di remi.

La regata, nello specifico, si svolge la prima domenica di agosto, ma la festa inizia già qualche giorno prima con diversi eventi collaterali, come sfilate in costumi tipici tradizionali nelle vie della città, sagre ed esibizioni.

Il Palio del Golfo è una manifestazione storica per la città, dato che trova le sue origini nel 1925.

View this post on Instagram

#paliodelgolfo

A post shared by Nico Carnieri (@nico_carnieri) on

Festa del mare di Ancona

La processione sul mare è molto scenografica: centinaia di imbarcazioni partono dal porto per dirigersi al largo per commemorare i pescatori defunti durante l’anno e quelli di periodi precedenti.

Concerti, sfilate, fuochi artificiali, stand gastronomici, bancarelle: tutto questo a inizio settembre, da diversi decenni. Oltre alla festa del mare si svolgono altri eventi collaterali di grande richiamo turistico.

Festa del mare di Gaeta

Si celebra come tradizione alla seconda domenica di agosto, fin dal 1927. Anche in questo caso la festa è legata alla tradizione religiosa che prevede una processione verso una statua della Madonna posta al centro del porto, protettrice dei pescatori.

Cibo, folklore e tradizione si mescolano in giorni di festa.

Festa del mare di Terracina

La festa del mare a Terracina avviene in occasione della Madonna del Carmine, nella domenica immediatamente successiva alla ricorrenza del 16 luglio. La processione delle barche è il momento cruciale della festa, in quanto si affidano a Maria tutti i pescatori del luogo ad invocare protezione. Il pesce rappresenta il piatto principale della proposta culinaria della festa, oltre ad altre specialità del luogo.

Le altre feste del mare in Italia

In Italia sono davvero molte le feste del mare che ogni anno sono pianificate e organizzate in diversi luoghi, dal Mar Adriatico al Mar Ligure, dal Tirreno allo Ionio.
Liguria e Marche sono probabilmente le regioni che vantano una tradizione più radicata, cosa che si evince anche dal numero di feste del mare che vengono complessivamente celebrate ogni anno da paesi e borghi differenti, anche vicini tra loro (ad esempio oltre la festa di La Spezia, c’è anche quella di Levanto, comune dello spezzino).

Molte feste del mare si celebrano anche in Campania, in provincia di Napoli e in quella di Salerno e molte altre interessano il versante est della nostra penisola, dalla parte alta dell’Adriatico fino alla parte più meridionale. Anche la provincia di Latina ha in calendario diversi eventi legati al mare, così come pure la Sicilia e la Calabria.

Le feste del mare: dalle origini fino ad oggi

Come spesso accade, la genesi di questo genere di eventi è di tipo pagano. I riti propiziatori per la buona pesca prevedevano l’invocazione degli dei affinché questi potessero proteggere i pescatori durante le loro navigazioni notturne.

Molte feste hanno poi visto la “conversione” al rito religioso, invocando la protezione di Dio e dei santi legati al territorio e all’attività della pesca. Il mare, pur essendo uno scenario fantastico e ricco di fascino, ha inghiottito diversi pescatori e le feste del mare sono organizzate anche con lo scopo di commemorare i pescatori che durante il loro lavoro hanno perso la vita nella acque. Ancora oggi sono frequenti e scenografiche le processioni che avvengono con le barche, al termine delle quali una preghiera speciale ha lo scopo di ricordare i caduti in mare.

Gli odori che si sprigionano dall’angolo cucina durante la preparazione dei piatti di pesce, le musiche, i costumi, sono tutti aspetti che contribuiscono a rendere uniche le feste del mare.

Vengono quindi celebrati e rispettati gli aspetti più negativi del mare, come la sua pericolosità quando è in burrasca, capace anche di uccidere l’uomo, ma pure la sua positività che fa da contraltare, fornendo il pesce, prima fonte di approvvigionamento dei pescatori.

© Riproduzione riservata