Feste private e diritti SIAE: come funziona?

Gira dischi
SIAE, musica e feste private.

È bello e divertente organizzare feste, ma ci sono anche alcune incombenze burocratiche che devono essere considerate.

Ad esempio le feste private devono dare i conti con diritti d’autore e SIAE.

Le nostre proposte

Infatti, se si intende ascoltare musica, bisogna rispettare la normativa sui diritti d’autore. Si paga una piccola somma per poter diffondere liberamente all’interno dell’evento i motivi preferiti. Tuttavia le regole prevedono alcune eccezioni.

Sapete come comportarvi se siete gli organizzatori di una festa privata?

Il portale online della SIAE consente di avere tutti gli aggiornamenti normativi del caso. Infatti periodicamente ci sono delle revisioni delle regole, che è meglio consultare prima di dare avvio alla festa. Perché, se sbagliate, dovrete pagare sanzioni particolarmente care.

Ci si può sempre rivolgere al personale dell’ente per avere delucidazioni nel caso di dubbi. Tra l’altro ci sono ispettori che girano il territorio per verificare che sia tutto svolto nel rispetto della legge.

La definizione di festa privata

La disciplina a cui si riferisce l’ente che si occupa del diritto d’autore contempla delle eccezioni in relazione al pagamento dei diritti e dell’Iva relativa. Inoltre regola i diversi casi. Proprio in virtù di queste norme dovete seguire una procedura specifica.

Le feste private, secondo l’articolato di riferimento sono matrimoni, battesimi, comunioni, cresime, compleanni, feste di laurea e altri festeggiamenti del genere. Questi eventi sono aperti solamente agli invitati e quindi non al pubblico.

La diffusione della musica

Le feste private e i diritti SIAE vengono specificatamente trattati in maniera diversa a seconda del tipo di diffusione musicale. Se non si prevede un’esibizione dal vivo, ma si ascoltano brani registrati dovete pagare, oltre al compenso per il diritto d’autore, una somma relativa ai diritti connessi. Infatti devono essere riconosciuti quelli dei produttori di supporti fonografici in aggiunta agli artisti, agli interpreti o agli esecutori delle canzoni ascoltate.

La diffusione di musica registrata include vari supporti: CD, DVD e anche la consolle del disc jockey.

La procedura digitale

I diritti SIAE si possono pagare attraverso una procedura online. Il servizio messo a disposizione dall’ente consente di inoltrare la richiesta in via telematica e quindi il rilascio di un permesso vincolato al pagamento del diritto d’autore, con tutti i compensi connessi. Questo si applica a eventi privati gratuiti. Va fornito il codice fiscale dell’organizzatore.

Vale per qualsiasi iniziativa privata occasionale. Il pagamento avviene tramite internet secondo le modalità indicate sul portale SIAE. Questa via consente di velocizzare l’iter.

© Riproduzione riservata