Menu cresima: ricette a base di carne

menu cresima
Menù per la cresima: ricette a base di carne

Noi italiani siamo tutti di buona forchetta e ci ritagliamo sempre un momento per concederci il gusto. La carne infatti è un alimento molto diffuso nelle nostre cucine, anche durante festeggiamenti importanti, per esempio quelli religiosi. Ecco che in questo articolo vi mostreremo come si prepara un menù cresima a base di carne, fornendo un piatto per l’antipasto, un primo e due varietà di secondo.

I vostri ospiti verranno stupiti così dai colori, dalle presentazioni e soprattutto dal fatto che queste pietanze saranno tutte preparate e cucinate con le vostre mani, riuscendo magari a risparmiare anche sul catering.

Le nostre proposte

Antipasto a base di salumi misti

Le danze si aprono sempre con un cosiddetto antipasto. Iniziamo infatti con un piatto bianco circolare di grandi dimensioni, in modo che possa contenere varietà diverse e sia comodo per gli ospiti. Vi consigliamo di arrotolare le fettine di salame, di prosciutto, di bresaola e di pancette per poi distribuirle a raggiera partendo dal centro. Nello spazio vuoto creato dalla disposizione potrete sbizzarrirvi con decorazioni divertenti, come ad esempio delle foglie di rucola, delle scaglie di parmigiano oppure delle semplici olive, dando un tocco un più e rendendo il piatto non solo ordinato ma anche più vivace, smorzando i colori.

Risotto con radicchio e salsiccia

Calmato il languorino degli invitati con l’antipasto, si passa a riempirli con una prelibatezza. Il risotto con radicchio e salsiccia potrebbe essere ideale per diversi ospiti, dato che è in grado di saziare chiunque. Inoltre, è molto semplice da preparare. Gli ingredienti che dovrete procurarvi sono (ricetta per 4 persone):

  • 280 gr di riso
  • 350 gr di salsiccia
  • 1 cespo di radicchio
  • mezza cipolla
  • 1 l di brodo vegetale
  • sale
  • pepe
  • olio extravergine d’oliva

Per prima cosa, dovete pulire il radicchio e tagliarlo a rastrelle. Tagliate la cipolla per unirla all’olio che l’appassirà grazie al calore di un tegame. Vi immergerete poi i tacchetti di salsiccia. Inebriate poi con il vino bianco e fate ubriacare il radicchio con gli altri ingredienti, unite poi il riso che sarà avvolto da una cascata di brodo vegetale bollente. Procedete con la cottura e, quando il riso sarà pronto, aggiungete del sale quanto basta, chiudete il fornello e spolverate con del pepe alla fine. I vostri ospiti rimarranno assolutamente stupiti dai sapori e dal vostro lavoro.

Arista al forno con patate

Si procede con la seconda portata, una carne succulenta che si adagia sul dolce sapore delle patate. Per procedere nella vostra cucina, vi invito a non farvi mancare i seguenti ingredienti:

  • 1 kg di arista
  • 60 gr di vino bianco
  • 1 spicchio d’aglio
  • 5 rametti di rosmarino
  • sale
  • olio extravergine d’oliva
  • pepe nero
  • 600 gr di patate

Vi servirà come prima cosa dello spago da cucina per legare la vostra arista: ciò serve a prevenire che la carne si deformi durante la preparazione e la cottura. Il primo rametto di rosmarino bisogna inserirlo tra lo spago e l’arista, poi la poserete su una padella già sbollentata con olio e aglio. L’arista va scottata per circa 4 minuti su ogni lato a fiamma media, fate poi sfumare con del vino bianco e salate a piacere.

Cotta la carne, passate alle patate: lavatele con cura e poi tagliatele a spicchi piuttosto regolari. Cospargetele di olio, sale e pepe disposte in una teglia a cui aggiungerete l’arista. Aggiungete gli altri rametti di rosmarino e cuocete in forno statico preriscaldato a 170° per almeno un’ora, avendo cura di girare di tanto in tanto sia la carne che le patate. Infine estraetela dal forno, ponete il tutto in un piatto e fate attenzione alla presentazione, in modo che i vostri invitati rimangano colpiti sia dal gusto che alla vista. Servite ovviamente la pietanza calda.

Vitello tonnato

Tradizione vuole che la seconda portata ne includa due, per meglio dire un’altra prelibatezza di carne. In questo modo, ogni invitato potrà avere la facoltà di scegliere cosa preferisce di più e ottenere così più varietà. Questa è una ricetta tipica piemontese, è da lì che proviene il vitel tonné che vi invito a cucinare. Armatevi quindi di:

  • 800 gr di vitello
  • 1 cipolla
  • 1 costa di sedano
  • 250 gr di vino bianco
  • 1 carota
  • 1 foglia di alloro
  • 3 chiodi di garofano
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • sale fino
  • pepe nero
  • un litro e mezzo d’acqua

Per la salsa vi occorreranno invece:

  • 2 uova
  • 100 gr di tonno sgocciolato
  • 5 gr di capperi sotto sale
  • 3 filetti di acciughe sottolio

Lavate per bene e tagliate a pezzi tutte le verdure, mentre la cipolla dividetela in due parti. Unite gli ingredienti in una pentola assieme alla carne. Aggiungete poi la foglia d’alloro, i chiodi di garofano ed il pepe nero. Insaporite ancora unendo il vino bianco e l’acqua con un pizzico di sale ed olio quanto basta. Mettete un coperchio e continuate a far cuocere per circa 40-45 minuti. Cotto il vitello, scolatelo e lasciatelo raffreddare avendo cura di rimuovere le verdure.

Dopo di che, bollirete le vostre uova fresche finché non saranno ben sode, poi sgusciatele e tagliatele in quattro parti. Unitele a tonno sgocciolato, capperi e le acciughe infine aggiungete un po’ di brodo. Preparatevi con il frullatore ad immersione per miscelare il tutto, fino ad avere una crema densa e piena di sapore. Per la presentazione, tagliate a questo punto la carne a fette e disponetela a raggiera in un piatto, al centro creerete un sole con la vostra salsa e il gioco sarà fatto: il contrasto tra i colori e la consistenza della carne e della salsa permetteranno di dare un tocco in più al vostro menu, riportando anche una ricetta tipica del Piemonte.

La cresima infatti è una delle festività più importanti del mondo cattolico italiano, che non solo riguarda la fede religiosa per il cresimando, ma è anche un momento per unire assieme amici, parenti e familiari in un unico evento. Per questo è fondamentale che la celebrazione sia organizzata nei dettagli: dalla location agli inviti ed infine al menu per la cresima. Con queste ricette semplici ma gustosissime, i vostri invitati non vedranno l’ora di mangiare e gustare tutti i piatti a base di carne che avrete in serbo per loro!

© Riproduzione riservata