Cresima simboli: quali sono e cosa significano

simboli cresima

I simboli della Cresima hanno un ampio significato. Ma quali sono? Cerchiamo di scoprirli assieme, al fine di avere un quadro completo.

Cosa si riceve con questo importante sacramento? La Cresima viene chiamata anche Confermazione: non è altro che la conferma del cammino cristiano. Per ricevere un buon sacramento, si dovrebbe seguire un corso di preparazione, così come fanno i  bambini al catechismo dopo la Prima Comunione. Attraverso questo sacramento si ottiene il sigillo dello Spirito Santo.

Le nostre proposte

Non esiste una età in cui ricevere le cresima. Si può ottenere a qualsiasi età. Secondo il percorso cristiano, poiché questa avviene dopo battesimo e Prima Comunione, in genere avviene intorno agli 11-12 anni, ma vi sono anche persone che ricevono questo sacramento già da adulte, magari perché vogliono contrarre matrimonio in chiesa.

I simboli sono, del dettagli: gli angeli, che da sempre fanno parte delle cerimonie come simbolo, il cappello e il bastone del Vescovo, così come il mitra, dato che la Confermazione avviene tramite Vescovo o da un suo delegato. A questi si aggiungono il gesto dell’imposizione delle mani sul capo, il fuoco (energia dello Spirito Santo), l’acqua (lega la cresima al battesimo), la colomba, simbolo dello Spirito Santo.

I simboli della Cresima, quindi, sono piuttosto profondi, come abbiamo avuto modo di vedere. Tutti questi sono strettamente legali al significato religioso che questi hanno. La Cresima è senza dubbio uno dei sacramenti più importanti: senza la presenza di questa, infatti, non ci sarebbe la possibilità di contrarre un matrimonio in chiesa. E’ per questo motivo che, infatti, molti adulti scelgono di avvalersi di questo sacramento che, magari, non hanno avuto quando erano piccoli, dopo il battesimo e la Prima Comunione. In questo caso, più che un sacramento religioso, viene considerato come una prassi, un passaggio obbligatorio verso la possibilità di contrarre matrimonio.

© Riproduzione riservata