Bomboniera cresima: idee utili e consigli economici

Tra le cose a cui pensare in vista della Cresima c’è anche la bomboniera. Eccovi i nostri consigli per realizzarla a basso costo.

Una delle cose a cui pensare quando si avvicina il momento della Cresima è la bomboniera. Il ragazzo o la ragazza entrano infatti nella comunità di fedeli credenti adulti. Il sacramento conferma la fede con il sigillo dello Spirito Santo e senza di esso non sarà poi possibile accedere al matrimonio cristiano.

Le nostre proposte

Pensare alla bomboniera per questo importante momento di passaggio significa preparare un simbolo e un ricordo, che testimoni il percorso intrapreso e l’impegno nella fede. Tuttavia, in momenti di crisi o di difficoltà economica, le bomboniere per i sacramenti rischiano di incidere in maniera significativa sui bilanci familiari.

Che fare dunque? Non è necessario rinunciare: ci sono infatti moltissime possibilità e modi per realizzare delle graziose ed eleganti bomboniere anche a basso costo. Anche perché la Cresima, essendo un sacramento così maturo e intimo, non richiede necessariamente oggetti elaborati: si può optare per soluzioni che coniughino l’estetica con la discrezione.

I colori più adatti

Al Battesimo è tradizionalmente associato il bianco e alla prima Comunione l’oro del grano. Alla Cresima, invece, si associano i colori dei tre elementi che la rappresentano: il rosso del fuoco, il blu dell’acqua e il bianco della colomba. Questi tre simboli sono a loro volta legati alla simbologia cattolica dello Spirito Santo, che agisce sotto forma di lingue di fuoco e si mostra come colomba candida, e dell’acqua di purificazione e rinnovamento. Rosso, bianco e blu sono quindi i colori più indicati anche per le bomboniere della cresima.

Tuttavia non ci sono regole precise o obblighi dogmatici. Come sempre quando si parla di momenti religiosi, il galateo prevede una certa sobrietà tanto nell’abbigliamento quando negli accessori e nei colori. Sarebbe bene evitare gli eccessi, le tinte sfacciate o appariscenti e le bomboniere troppo variopinte: si può al contrario optare per una base chiara (bianca, avorio, crema o azzurra) ravvivata poi da decorazioni più vivaci.

Sacchetti e scatoline

Scegliere di realizzare le bomboniere a casa è probabilmente l’opzione più economica: servono solo manualità, fantasia e un piccolo budget per procurarsi i materiali.

La prima cosa da scegliere è la base: poiché le bomboniere conterranno i confetti per parenti e invitati, bisognerà decidere se inserirli in un sacchettino oppure in una scatolina. In commercio si trovano soluzioni molto raffinate. Una opzione possono essere i negozi di bricolage e hobbistica dall’ingrosso: permettono di acquistare grandi quantitativi di materiali a costi ridotti.

Se vi piacciono i sacchetti, potete pensare alla juta: è un materiale povero e apparentemente poco elegante, ma con nastri abbinati o decorazioni etno-chic i sacchettini possono fare davvero un bell’effetto. Anche il classico sacchetto di cotone chiaro offre molte possibilità: è molto versatile e permette di giocare su diversi accostamenti. Unico accorgimento: evitate il bianco candido e puntate piuttosto su un color avorio. È una tonalità più calda e morbida. Le scatoline sono una valida e comoda alternativa ai sacchetti. Se ne trovano di ogni tipo, forma, grandezza e colore. Potrete scegliere tra quelle in cartone ondulato marrone, quelle con stampe floreali o con decorazioni in bassorilievo, o quelle a tinta unita da personalizzare secondo il vostro gusto.

Quali e quanti confetti usare

Solitamente per la Cresima si consiglia di usare i confetti di cioccolato. Si tratta soltanto di un consiglio, in verità non vi è una regola precisa. Lo stesso dicasi sul colore: si sceglie solitamente il bianco, ma è un’opzione flessibile.

Quanto al numero, la quantità standard è 5 confetti a bomboniera, ma questa non è vincolante. L’importante è che siano in numero dispari.

© Riproduzione riservata