Vestiti Comunione: come scelgo quello giusto?

Vestiti comunione

Se si avvicina il giorno della Comunione dei vostri bambini e non sapete come scegliere i loro vestiti comunione e i vostri, può esservi utile richiamare alla mente qualche concetto che possa diradare quel tanto di nebbia o, per usare un termine più attinente al caso, di panico, che circonda le menti di tutti noi quando ci troviamo ad organizzare eventi di una certa importanza.

Prima comunione: una scelta di fede

Da anni il giorno della Comunione, venuti meno i vincoli legati a sentimenti di appartenenza sociale piuttosto che religiosa, viene vissuto come scelta libera soprattutto dai genitori, che hanno la possibilità, forse l’ultima, di indirizzare i propri bambini verso l’adesione ad un determinato credo. È divenuto pertanto meno frequente in queste occasioni assistere a cerimonie improntate all’ostentazione e all’esteriorità, anche per quanto riguarda i vestiti, ormai più sobri e contenuti. Non diminuiscono invece le manifestazioni di gioia anche connesse a quel senso di condivisione cui lo stesso sacramento religioso si richiama. Se l’atmosfera che intendete creare per il giorno della Comunione dei vostri bambini è questa, non sarà difficile scegliere il vestito giusto per voi (genitori o invitati) e per i vostri piccoli.

Le nostre proposte

Come scegliere il vestito giusto per le bambine

Vestiti comunione
La collezione Petit

Se chi si accinge a ricevere la Comunione è una bambina, lasciare che sia lei a scegliere il proprio abito equivale a scegliere il vestito giusto. Per voi mamme coinvolgerla sarà facile, più difficile può diventare contenere la sua propensione al gioco, la sua voglia di sentirsi principessa. Un pizzico di protagonismo e di tendenza a “crearsi” intorno un’atmosfera da favola è comprensibile e forse auspicabile: le religioni si nutrono da secoli di un senso di magia e di mistero che può essere positivo non circoscrivere eccessivamente. Ricordare alle vostre bambine che l’abito da principessa lo si indossa a carnevale sarà sufficiente a ricondurle verso la scelta di uno stile semplice che è quello oggi più diffuso, con colori meno appariscenti rispetto al bianco, come il panna e l’ecrù, se non altro nei dettagli, frequentemente floreali, applicati ad abiti dal taglio lineare, più o meno morbido.

Come scegliere il vestito giusto per i bambini

I maschietti soffriranno un poco delle imposizioni cerimoniali e non tutti saranno disposti ad effettuare scelte in autonomia: si limiteranno forse ad assentire, o a rifiutare le proposte, con lievi cenni del capo. Si sconsiglia quindi la ricerca dell’eleganza: nel giorno della sua Comunione meglio un bambino casual che un bambino triste. Lasciate che indossi delle comode sneakers, ve ne sono di bellissime in commercio; niente legacci al collo e, sia che si scelga il completo sia che si opti per lo spezzato, che la giacca abbia un taglio comodo e sia confezionata con materiali morbidi. A parte il nero, che male si addice all’età e all’occasione, non vi sono limiti nella scelta dei colori che andranno abbinati sobriamente, evitando tinte troppo accese che potrebbero trasformare i vostri bambini in piccoli semafori, una volta accostati a compagni più sommessamente abbigliati.

Il vestito giusto per i genitori e per gli invitati

Nessuna forma di protagonismo o di malcelata insofferenza è concessa invece ai genitori. Abiti da giorno e colori chiari sono risolutivi trattandosi di cerimonie celebrate solitamente nella bella stagione. Per le mamme sono auspicabili scarpe comode (anche con tacco mediamente alto se non impedisce i movimenti) e borse a spalla di una certa capienza, che lascino le mani libere e che possano contenere ciò di cui i bambini vorranno liberarsi una volta terminata la funzione cerimoniale. Lo stesso concept è previsto per i vestiti degli invitati, probabili genitori a loro volta o reclutati a svolgerne la funzione in caso di necessità.

Tutta l’attenzione dei grandi infatti dovrà essere mirata a rendere la giornata indimenticabile ai piccoli: ai festeggiati e ai loro ospiti.

© Riproduzione riservata