Segnaposto comunione: temi e idee

segnaposto comunione

Il segnaposto della comunione è, insieme alla bomboniera, uno dei più dolci ricordi di un giorno importante di ogni credente cattolico – cristiano.

Il segnaposto è un tenero ricordo riguardante un giorno importante. Si tratta di un oggetto che viene posizionato su ogni posto a tavola, con sopra il nome di ciascun invitato . Esistono diverse e variegate scelte per ogni famiglia. Ecco alcune delle migliori idee e temi per i segnaposto comunione di bimba, bimbo e fai da te.

Le nostre proposte

Segnaposto comunione: idee per bimba

Nel caso di segnaposto per la comunione di una bimba, tra le scelte più gettonate dalle famiglie c’è la presenza, come centro-tavola, di composizioni floreali con dei ferretti ornati sopra cui segnalare il nome dell’invitato. Tra i temi più richiesti dal genere femminile c’è il segnaposto comunione a forma di scarpetta da danza oppure opzioni più “fashion” come i segnaposti a forma di borsa.

Segnaposto comunione: idee per bimbo

Se la scelta dei segnaposto della comunione riguarda i bimbi, allora si può partire da un tema che rispecchia il mondo dei maschietti. Le idee migliori sono i segnaposti dedicati alle passioni sportive dei piccoli come il calcio o il basket, senza dimenticare i motori. Tanti, infatti, optano per un segnaposto comunione a forma di macchinina o moto. Da non escludere anche segnaposti con animali o cartoni animati.

Segnaposto comunione: idee e temi fai da te

Ma si può anche evitare di spendere cifre eccessive. Infatti, oggi sono varie le scelte fai da te con tante idee e temi che si possono utilizzare. La più gettonata, solitamente, è la “confetteria: il nome degli invitati sarà posto su una piccola scatolina trasparente al centro del tavolo. Ma può esserci anche un’altra opzione simpatica e carina: scrivere il nome degli invitati accanto a una frase particolare. Del resto, sono diversi gli aforismi per celebrare la prima comunione. Una delle frasi più gettonate è: “La gioia è la speranza di una felicità eterna”.

© Riproduzione riservata