Inviti per la comunione: le informazioni fondamentali

Scegliere gli inviti per comunione perfetti per rispettare un evento cosi importante del proprio bambino è una decisione che richiede in ogni caso impegno e molte cose da non dover dimenticare assolutamente.

Spesso gli inviti finiscono per essere graziosi ed eleganti ma non contengono delle informazioni fondamentali per far si che l’invito non sia solo bello, ma anche chiaro ed efficace. Si è pensato a quattro semplici considerazioni da dover tener presente per rendere il proprio invito non solo provvisto delle informazioni giuste, ma anche d’effetto alla vista.

Le nostre proposte

Inviti comunione

Ricordare di inserire i dati della funzione all’interno del proprio biglietto di invito, è un requisito fondamentale per rendere adeguato il proprio invito, caratterizzandolo con informazioni utili e di tipologia pratica molto importanti.

Gli ospiti solitamente vedono di buon occhio un invito ben costituito ed organizzato, con le nozioni principali ben in vista e di conseguenza semplici da ricordare. Gli orari precisi della funzione, quindi, sono il primo elemento da dover sottolineare all’interno del biglietto, per permettere ai propri invitati di poter essere non solo presenti ma puntuali all’evento. La non presenza degli orari infatti potrebbe creare spiacevoli inconvenienti, come la mancata possibilità di trovare posto all’interno della Chiesa, costringendo alla permanenza di parecchio tempo in piedi e in angolazioni dove la vista non è sicuramente ottimale.

Un altro elemento fondamentale è sicuramente il luogo, sembra banale ma molto spesso viene dimenticato, dando per scontato che basti scrivere il nome della chiesa, escludendo a priori la possibilità che esistano due chiese con lo stesso nome oppure con il nome simile. Per questo motivo la scelta più appropriata è scrivere non solo il luogo di ritrovo inserendo ad esempio un quartiere di riferimento, ma anche il nome completo della chiesa.

La struttura migliore per assemblare queste informazioni prevede il posizionamento del nome della chiesa, separato da una virgola o da un trattino dal quartiere di riferimento, subito sottostante a questi l’orario di inizio e di fine della celebrazione. L’insieme di queste informazioni ovviamente, viene dopo il nome del partecipante alla prima comunione e la tipologia di evento.

Ricevimento comunione

All’interno dell’invito non possono mancare i dati e le indicazioni principali di riferimento per raggiungere la località prescelta per il ricevimento che segue solitamente alla cerimonia. Nella maggior parte dei casi questa tipologia di informazioni è l’ultimo aspetto di cui è provvisto il biglietto di invito, infatti spesso viene inserito in basso. Per rendere il luogo scelto raggiungibile facilmente da tutti gli invitati esistono diverse accortezze da poter prendere in considerazione, per far si che si incorra nel minor numero di inconvenienti possibili.

La prima riguarda sicuramente la vicinanza del ristorante o trattoria scelta con il luogo della celebrazione; per evitare possibili contrattempi dati dall’inefficienza dei navigatori in aggiunta alla possibile scarsa conoscenza del luogo da parte gli ospiti. Per questo motivo è meglio prediligere sistemazioni per il rinfresco non molto distanti dalla Chiesa, così che in caso di difficoltà si possa essere facilmente raggiungibili. Un’altra considerazione importante per ridurre al minimo le difficoltà del tragitto dalla Chiesa al luogo del rinfresco, è l’accertarsi che le informazioni presenti all’interno dell’invito non solo siano precise ma siano il più esaustive possibili.

Font

Per quanto riguarda le caratteristiche più adeguate per il font da scegliere per gli inviti, non esistono delle regole fisse o delle alternative assolutamente più adatte all’occasione. Esistono però diversi accorgimenti che si possono tenere presente, nel caso in cui non si sappia minimamente verso che tipologia di scrittura orientarsi.

Quando si tratta di dover comporre un invito, uno degli obiettivi principali è la volontà che questo risulti il più chiaro ed efficace possibile. Per rendere questa volontà possibile, uno degli aspetti che contribuisce sicuramente oltre a come vengono poste le informazioni è proprio il carattere con cui vengono scritte. La tipologia di biglietto di invito deve essere il più minimale e chiari possibili. Per questo motivo è decisamente meglio prediligere una tipologia di font di scrittura semplice, sprovvista di eccessive marcature o riccioli, dato che potrebbero rendere la lettura stancante e difficile, oltre che dare un senso di confusione.

Il materiale

Se si tratta invece di scegliere la tipologia di materiale più adatta per un biglietto che inviti alla cerimonia per una prima comunione, le alternative tra cui orientarsi sono veramente molte, ed ognuna è caratterizzata da una propria particolarità. Una possibilità diversa e particolare, soprattutto per gli amanti dei prodotti sostenibili, potrebbe riguardare la scelta della carta riciclata. Ultimamente le tipologie di carta riciclata create sono moltissime, tra l’altro oltre che essere disponibili in diversi colori, non solo risultano una scelta d’effetto ma anche elegante e diversa dal solito.

Per chi invece si sente più legato alla tradizione, la classica carta bianca richiama sempre quel gusto minimale e semplice prediletto dalla maggior parte delle persone. Se invece non si è sicuri sulla possibile preferenza tra la carta e il cartoncino, scegliere non è poi così difficile, basta avere chiara la differenza. Nel caso della carta ovviamente si tratterà di un biglietto più sottile, più delicato ma anche con la possibilità maggiore di rovinarsi. Optando per il cartoncino invece è assicurata non solo la resistenza del materiale, ma anche l’opportunità di rendere l’invito più corposo e con minore probabilità di essere perso, appunto per le dimensioni più di rilievo.

Una delle alternative maggiormente azzardate prevede la pergamena come scelta per il proprio biglietto. La pergamena è una tipologia di carta molto particolare ma allo stesso tempo altrettanto delicata, quindi nel caso in cui si prediliga questa come mezzo per il biglietto di invito perfetto, è necessario posizionarla all’interno di una busta resistente. Scrivere e selezionare gli inviti ad una cerimonia di Comunione risulta essere abbastanza semplice nel momento in cui si è provvisti di una chiara scaletta di cosa è necessario dire e della maniera migliore in cui è opportuno dirlo. Per tutte le scelte invece che riguardano il design ci si può affidare alle proprie preferenze e gusti personali, non tralasciando accorgimenti tecnici che possano rendere l’invito il più chiaro e facile da memorizzare possibile.

© Riproduzione riservata