Fiori per la prima comunione: idee e consigli come scegliere

Fiori per la prima Comunione

I fiori per la prima Comunione sono un aspetto importante e tutt’altro di secondo piano: per questo sceglierli in maniera accurata è il primo passo per realizzare un buquet gradito. Ecco quindi qualche consiglio per scegliere al meglio.

La prima Comunione è un evento pieno di grandi emozioni che tutti serbiamo gelosamente nel nostro cuore. La Comunione è infatti il sacramento attraverso il quale si fa il proprio ingresso all’interno della comunità cristiana di appartenenza. Anche in questo caso, come in tutte le grandi occasioni, i fiori addobberanno perfettamente non solo la chiesa ma anche la location da voi scelta per il ricevimento e la festa dopo la cerimonia. Se non avete le idee chiare e il grande giorno si sta avvicinando continuate la lettura del nostro articolo per avere qualche spunto e consiglio in più per scegliere i fiori per la prima Comunione del vostro bimbo in maniera più consapevole.

Le nostre proposte

Must have tra i fiori per la prima comunione

Il giglio bianco è il fiore tradizionalmente associato al giorno della prima Comunione. Originario dell’Asia occidentale e della zona balcanica, dopo l’importazione risalente ai tempi romani, ha preso sempre più piede nella cultura europea.

Questo fiore candido dal lungo stelo e dall’odore inebriante è carico di significati religiosi e popolari. Era infatti sacro per gli antichi greci dato che, secondo la leggenda, nacque da una goccia del latte che Ercole succhiava dal petto della madre Hera, compagna di Zeus, re degli dei.

Al contrario, per quanto riguarda la tradizione cristiana,  il giglio bianco (anche conosciuto come lilium) è il fiore che simboleggia la purezza della Vergine Maria. Secondo le Sacre Scritture infatti la Vergine scelse Giuseppe come suo sposo tra la folla proprio grazie al giglio bianco che reggeva nella mano. Per questo nell’iconografia tradizionale San Giuseppe viene spesso raffigurato con vari gigli candidi. Il fiore è inoltre collegato alla figura dell’Arcangelo Gabriele, sacro protettore dei bambini, che portò in dono a Gesù bambino proprio un giglio bianco.

Tra i fiori per la prima comunione, questo non potrà mancare in un giorno così importante in cui proprio i bambini, creature pure d’animo e innocenti, sono protagonisti. Il giglio inoltre è stato scelto come simbolo da molte casate regali essendo, nella sua semplicità, anche simbolo di coraggio e forza. Il giglio non può mancare nemmeno nel momento più dolce di tutta la giornata: quello della torta. Create un fiore di pasta di zucchero e adagiatelo sulla torta accompagnandolo con una piccola pergamena con il nome del protagonista e la data della cerimonia.

Coroncine per capelli

Questo accessorio per capelli, semplice ed essenziale, incornicerà il volto della vostra piccola e impreziosirà la sua chioma trasformandola in un piccolo angioletto. Le tipologie tra cui scegliere sono davvero tante.

Le più comode sono quelle elastiche con fiori di stoffa applicati che si adattano a tutte e possono essere riutilizzate come accessorio moda anche in altre situazioni. Il colore consigliato è il bianco ma i petali possono sfumare leggermente verso il rosa, l’azzurro o qualsiasi color pastello. In alternativa usate un cerchietto rigido che potrà diventare il vero e proprio protagonista dell’acconciatura. Sceglietelo ricoperto di raso o di seta in modo che doni ancora più luminosità alla chioma. I fiori della corona o del cerchietto possono essere impreziositi con perle, tulle e gemme brillanti.

Se invece siete amanti dei fiori freschi in ogni loro variante intrecciateli e create per la vostra piccola una coroncina naturale e profumata. Scegliete mughetti, piccole margherite o boccioli di rosa bianca. Per completare il tutto, create boccoli morbidi con la chioma della bimba per un effetto ancora più angelico che accompagnerà in maniera perfetta i fiori per la prima comunione scelti.

Il bianco

Nel immaginario comune il bianco è il colore simbolo di purezza e nobiltà d’animo. Il saio indossato dai bambini per la prima Comunione, non a caso, è bianco per simboleggiare l’anima candita e immacolata di coloro che si preparano a ricevere il sacramento. Le decorazioni floreali dovranno quindi essere scelte in questa tonalità per accordarsi con il significato della giornata. Inoltre, qualsiasi stile si adotterà per il ricevimento, il bianco si adatterà senza problemi.

Oltre ai gigli che, come detto, sono i fiori per la prima comunione più indicati sia per il loro colore che per il loro significato, per differenziare i vostri addobbi potrete sceglierne anche altri. Le rose bianche, per esempio, saranno perfette perché simboleggiano amore puro e spirituale. Le margherite sono invece fiori che ricordano l’innocenza e l’infanzia così come la totale bontà d’animo. In alternativa anche il garofano bianco può essere utilizzato come decorazione ma anche le eleganti calle. Per un effetto mozzafiato inserite anche orchidee bianche o di una tonalità rosa tenue, simbolo di fragilità e delicatezza. Se la location che avete scelto è immersa nel verde potete anche utilizzare come segnaposto tutti i piccoli fiori di campo. Per evitare un effetto troppo vistoso e pacchiano per l’occasione, ricordate di non aggiungere troppo tulle vaporoso come fossero decorazioni per le nozze. Utilizzate semplici nastri di raso dai colori chiari per impreziosire il tutto.

Fiori freschi o finti?

Se pensate che i fiori finti non facciano per voi, forse non avete tenuto in conto i pro che vi possono regalare. Al giorno d’oggi in commercio si possono reperire fiori finti che riproducono davvero alla perfezione quelli naturali ma che presentano alcuni vantaggi da prendere in considerazione.

Per prima cosa possono essere utilizzati infinite volte, basterà semplicemente spolverarli con un panno umido e torneranno come nuovi. Saranno dei centrotavola perfetti per la vostra prossima cena importante. Inoltre non appassiscono, dureranno quindi tutta la giornata senza far sfigurare le vostre decorazioni anche se sottoposti a temperature estive estreme. Se poi avete un occhio attento al budget, senza dubbio con i fiori finiti avrete un risparmio consistente. Va però detto che rinunciando ai fiori freschi si rinunci anche al profumo inebriante che solo la natura può offrire. Un buon compromesso è quindi una composizione in cui mescolare qualche fiore vero tra quelli finti o ancora utilizzare fiori naturali ma optare per finte decorazioni verdi di contorno.

Una volta scelti i fiori e realizzate le decorazioni dedicate tempo anche alla preparazione emotiva di questo grande giorno. Ricordate sempre che sarà sì un giorno di festa ma, in primo luogo, la Comunione, è uno dei sette sacramenti e quindi un momento di alta spiritualità.

 

© Riproduzione riservata