Le migliori acconciature estive per la Madrina di Battesimo

Madrina: acconciatura elegante.
Madrina: acconciatura elegante.

Essere convocate ad un battesimo in qualità di madrina è certamente una questione di enorme responsabilità e privilegio.

Significa che sarete corresponsabili, insieme ai genitori, della crescita anche spirituale del bambino. Dovrete essere al suo fianco durante tutto il processo di sviluppo che lo porterà ad essere un uomo o una donna maturi e responsabili, cercando di indicare il giusto cammino nella società, senza in ciò sostituirsi al ruolo dei genitori.

Le nostre proposte

Il ruolo di madrina vi obbligherà quindi a scegliere un outifit idoneo e consono alla situazione, degno della portata morale ed emotiva che sarete chiamata a sostenere. Non solo simbolicamente, ma anche materialmente sarete al fianco dei genitori del battezzato nelle foto di rito e al rinfresco, per cui dovrete essere abbigliate e acconciate nella maniera più congeniale, raffinate ed eleganti.

Il rito verrà celebrato in chiesa e di conseguenza sarete tenute a mantenere un certo contegno e una certa compostezza, coprendo le spalle con una stola, indossando abiti non troppo scollati e tacchi non eccessivi.

L’acconciatura della madrina

Per quanto riguarda l’acconciatura, anche se essere la madrina del battesimo non richiederà pettinature troppo complesse o appariscenti, sarà opportuno valutare con il parrucchiere almeno un appuntamento di prova, in cui vi verranno proposte diverse soluzioni per i vostri capelli.

Fissate quindi altri due appuntamenti: uno un paio di giorno prima del battesimo o il giorno precedente, durante il quale ritoccherete il colore se fosse necessario e procederete poi con una messa in piega adatta all’acconciatura che, invece, andrà realizzata il giorno stesso del battesimo, garantendovi di presentarvi con i capelli in perfetto ordine.

Nella scelta dell’acconciatura valutate il tipo di cerimonia, l’outfit che avete selezionato, la durata e l’orario dei festeggiamenti: in estate, col caldo torrido, alcune acconciature troppo complesse o delicate potrebbero disfarsi molto prima del previsto.

Tenete sempre con voi in borsa un paio di elastici di scorta per cercare di rimediare eventuali, improvvise perdite di tono della vostra acconciatura, una manciata di spille e forcine, un piccolo pettine portatile e una lacca spray formato viaggio.

Per la stagione estiva dei battesimi 2018 la tendenza principale si indirizza, per quanto riguarda la moda donna delle acconciature da cerimonie, verso le trecce.

Le migliori acconciature per la madrina del battesimo

Le mille forme delle trecce

Trecce, trecce e ancora trecce. Lunghezze, spessori e le fatture più svariate, in base al vostro tipo di capello potrete prevedere un raccolto o un mezzo raccolto, con ciocche di capelli intrecciate e altre lasciate sciolte sulle spalle o lungo la schiena.

La treccia in effetti unisce la comodità e l’eleganza di una acconciatura raccolta con il romanticismo di effetti drappeggiati, più o meno complessi.

Le singole anse potranno essere tirate, fissate con la lacca, perfettamente coese l’una all’altra, oppure essere fissate ciascuna da un sottilissimo elastico trasparente, a scomparsa, che permetterà a ciascuna ciocca di venir rigonfiata da un effetto cotonato molto di moda.

L’intreccio potrà essere classico, alla francese, spinato o a cascata. La maestria dell’acconciatore e la struttura stessa dei vostri capelli potranno permettere effetti più o meno drappeggiati e barocchi, con complessi legami di ciocche che andranno a raccogliere i capelli in una struttura quasi da opera d’arte.

L’unica regola che andrà sempre, assolutamente rispettata è quella di prestare la massima attenzione alla suddivisione delle varie ciocche che dovranno essere tutte del medesimo spessore.

Mantenete sempre pettinati e ben in tiro i capelli ed assicuratevi che la divisione sia netta e rigorosa, aiutandovi con un pettine a coda sottile, forcine e pinze per capelli.

La capigliatura dovrà essere precisamente divisa in ciocche pari al numero delle trecce che andranno realizzate.

Potrete scegliere tra una treccia unica, laterale o centrale, a cascata, tesa o più morbida, precisa o più romanticamente spettinata lasciando alcune ciocche ricadere libere e mosse lungo il viso.

Oppure potrete organizzare due o più trecce distinte che andranno poi a creare uno chignon o un raccolto dietro alla nuca.

Sottili o più grosse, attaccate alla radice o più lente, con le trecce potrete realizzare complessi effetti a nido, a cuore o a fiocco, ricreando effetti morbidi e voluminosi, oppure finemente ricercati, precisi e geometrici.

Se la vostra treccia cadrà sciolta lungo la schiena o sulle spalle senza essere raccolta dietro, il consiglio, una volta terminata l’acconciatura, è di spruzzare una certa quantità di lacca fissativa e di passare lungo la treccia una piastra liscia ben calda, in modo da fissare le ciocche in maniera ordinata.

Potrete infine impreziosire la vostra acconciatura fissando fiocchi in raso, qualche fiore, oppure applicare una spilla gioiello che donerà luce ed eleganza.

L’intramontabile chignon

Se invece volete mantenere un tono serio e composto, estremamente elegante e chic, potrete scegliere di raccogliere i capelli in uno chignon.

In questo caso se i vostri capelli non sono abbastanza lunghi o folti per garantire un perfetto effetto pieno, potrete aiutarvi aggiungendo una spugnetta riempitiva dello stesso colore dei vostri capelli.

Oggi ne potrete reperire anche di forma diverse, oltre alla tradizionale forma rotonda: molto di moda, ultimamente è in effetti la spugna a cuore che vi permetterà di creare un perfetto concio a forma di cuore.

Anche il concio potrà essere realizzato mediante la raccolta di più o meno trecce, ma soffermandoci sulla struttura classica, possiamo prevedere di creare uno chignon basso o alto, composto o dall’effetto più spettinato, perfettamente rotondo come quello delle ballerine o con forme più sagomate o allungate, chiuso o aperto.

Ben tirato e perfetto, oppure più lento e morbido.

Potrà essere fissato da un apposito elastico poi coperto e nascosto da una singola ciocca di capelli che verrà fatta girare lungo la base e fissata poi da forcine e abbondante lacca.

La coda di cavallo elegante

Sempre molto di moda e attuale nella sua semplicità è anche la coda di cavallo, alta e tirata con i capelli lisci, bassa, morbida e più lenta con i capelli mossi.

Sconsigliato qualsivoglia tipo di elastico. La coda di cavallo dovrà essere fermata esclusivamente da elastico trasparente o a scomparsa, nascosto eventualmente da un nastrino in raso oppure da un fermaglio gioiello.

Per un effetto estremamente raffinato e di gran classe, oggi la tendenza in fatto di acconciature femminili per le cerimonie è di estrarre una ciocca di capelli e avvolgerla lungo l’attaccatura della coda, in modo da coprire completamente l’elastico di fissaggio. La ciocca andrà ben fermata con mollette e abbondante lacca per evitare che si sciolga durante il battesimo.

Capelli sciolti

I capelli lunghi garantiscono certamente moltissime soluzioni diverse in fatto di acconciatura per le cerimonie.

Se avete capelli lunghi, ma molto curati, ben idratati e assolutamente privi di doppie punte potrete prevedere anche di tenerli sciolti, magari muovendoli leggermente mediante un’ondulatura naturale ottenuta con bigodini, piastre, spazzole o semplicemente lasciandoli asciugare all’aria.

Aggiungere in questo caso un accessorio elegante è assolutamente consigliato: una spilla gioiello o un semplice cerchietto, magari in tessuto o in metallo arricchiranno i vostri capelli con un tocco di classe e fine ricercatezza.

Le acconciature di questo tipo si adattano perfettamente a chi possiede capelli lunghi e strutturati.

Tagli corti e medie lunghezze

Chi invece dovesse avere i capelli corti o di media lunghezza potrà decidere semplicemente di rinnovare il taglio, perfezionando le lunghezze.

Un caschetto semplice e lineare, magari più sfilato lungo il viso e più corto sulla nuca vi donerà un aspetto ordinato, perfettamente in linea con il vostro ruolo da madrina.

© Riproduzione riservata