Cerimonia battesimo: quanto dura e quali sono le fasi

Le cerimonie religiose sono composte da alcune fasi che si susseguono l’una all’altra nel giro di circa un’ora e mezza. Ma quali sono?

Quello del battesimo è un momento importantissimo per la vita di un bambino e di una persona in generale. Si tratta del primo momento con cui viene a contatto con Dio. Proprio per questo motivo la prima fase della cerimonia battesimale è quella dell’Accoglienza. Questa prima fase prevede che il prete venga a conoscenza dei nomi dei bambini che verranno battezzati. I genitori dovranno rispondere dicendo il nome, mentre le madrine e i padrini dovranno confermare la loro scelta di affiancare i genitori del piccolo ad aiutarli nel percorso di crescita del bimbo.

Le nostre proposte

La seconda fase è quella della Liturgia della Parola. In questo momento importante c’è la lettura della Parola di Dio accompagnata dal significato del battesimo. Seguono quindi le preghiere dei Fedeli e, infine l’unzione dei piccoli con l’olio dei catecumeni.

La terza fase è quella della Liturgia del Sacramento. Questa è la fase centrale in cui avviene il rito del battesimo vero e proprio. Dopo qualche parola spesa per spiegare l’importanza e la simbologia dell’acqua, avviene il battesimo in cui il capo dei bambini viene immerso per tre volte. Questa azione è accompagnata dalla frase “Io ti battezzo nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo“.

La quarta e ultima fase è quella dei Riti di conclusione. In questa fase ci sono le preghiere dei Fedeli e, in particolare, il padre nostro che viene recitato, solitamente, tenendosi per mano. Dopo questo momento di preghiera il sacerdote benedice i genitori e poi tutti gli invitati al battesimo. Infine, il prete recita le classiche parole che indicano la fine della Messa.

Il rito del battesimo è significativo per il bimbo che viene battezzato. La pratica dell’immersione della nuca lo purifica ancor di più prima di poter accogliere definitivamente Dio.

© Riproduzione riservata