Centrotavola battesimo: idee a tema per bimbo

Che sia considerato un dettaglio di contorno o una necessità, il centrotavola per il battesimo va sempre pensato e studiato prestando cura ai dettagli.

Si sta avvicinando il battesimo del vostro bimbo e dovete ancora pensare ai centrotavola? Vi proponiamo alcune idee originali a tema per un maschietto. Dopotutto, il battesimo capita una volta sola nella vita di vostro figlio ed è importante non lasciare nulla al caso!

Le nostre proposte

Dopo il rito religioso in chiesa la famiglia si riunisce infatti per il momento più conviviale: che sia pranzo, cena o semplice rinfresco, è la parte della festa che più si ricorda. Il centrotavola può essere il particolare curioso e simpatico che caratterizzerà tutta la giornata, soprattutto se farete spazio alla fantasia per prepararne uno originale e frizzante.

Centrotavola con Topolino

Topolino è ormai un classico. Buffo, irriverente e curioso, ha nutrito l’immaginario collettivo di una generazione dopo l’altra e ha unito i genitori ai figli nella simpatia per il roditore dalle grandi orecchie creato da Walt Disney. Anno dopo anno Topolino si è evoluto, è cresciuto e ha vissuto mille avventure tra fumetti e grande schermo: sceglierlo come mascotte del battesimo del vostro bambino significa augurargli idealmente una vita ricca e piena di colori e sorrisi.

Ecco perché pensare ad un centrotavola a tema Topolino può essere davvero una bella idea.

  • I colori. Quando si pensa a Topolino, il primo colore che viene in mente è il rosso. Usarlo come leit motiv del centrotavola, insieme al nero e al bianco del personaggio, darà quel tocco di allegria a tutta la giornata. Un altro colore associato a Topolino è anche il blu, grazie ad uno spezzone del cartone animato Disney più amato di sempre, “Fantasia”, nel quale Topolino interpreta un piccolo mago maldestro alle prese con i suoi poteri e incapace di gestirli, il tutto a ritmo di musica. Potete riprendere quindi anche questo colore.
  • I soggetti. Attorno a Topolino gravitano tantissimi altri personaggi indimenticabili. Alcuni esempi? L’immancabile Minnie, lo sfortunato Paperino, la civettuola Paperina, il maldestro Pippo e il simpatico Pluto. Potreste dedicare ogni centrotavola ad uno dei personaggi dell’universo di Topolino.
  • Gli spunti. Topolino è un personaggio molto versatile. Nel mondo Disney è stato apprendista stregone, esploratore, cow boy. Ha popolato fumetti e cartoni animati. Nell’ideare i centrotavola per il battesimo potete scegliere in un immaginario molto ricco e variegato.

Si possono, quindi, studiare composizioni di palloncini, cartonati sagomati e abbinati a fiori sbarazzini e vivaci. Oppure si possono comprare pupazzetti raffiguranti Mickey Mouse e i suoi amici e disporli sui tavoli, opportunamente assemblati e ambientati. Si può anche pensare a centrotavola più classici, optando poi per dei semplici fermanastri con il viso di topolino o la sua silhouette.

Centrotavola con macchinine

E’ sempre meglio non generalizzare, ma che i maschietti tendano ad essere più attratti dal mondo dei motori rispetto alle femminucce è un dato di fatto. Difficilmente si pensa che una bambina possa apprezzare una macchinina o una piccola ruspa come invece la apprezza un bimbo maschio, quindi perché non optare per un centrotavola originale a tema macchinine?

Il tema si può declinare in moltissimi modi e permette di proporre un’ambientazione fresca e vivace nella quale gli invitati, grandi e piccini, si potranno sentire a casa. Vediamo alcune idee.

  • I modelli. Il battesimo, si sa, è un momento più discreto e meno formale rispetto ad altri sacramenti. Questo permette una maggiore flessibilità in termini di tematiche, colori e gestione del galateo familiare: in altre parole, fuori dalla cerimonia ce la si può prendere con maggiore leggerezza. Un centrotavola a tema macchinine assolve perfettamente a questa funzione. Perché non usare direttamente alcune macchinine giocattolo per assemblarlo? Vi basta un po’ di fantasia e un po’ di colla a caldo per creare composizioni artistiche e simpatiche.
  • I colori. Potrete scegliere ad esempio di assegnare ad ogni tavolo un modello di macchinina diverso, differenziando anche i colori dei fiori abbinati: il risultato sarà una sala variopinta e mai noiosa.
  • I giochi di carta. L’immagine della macchinina è forse una delle prima che si disegna, quando si è piccole. È una sagoma molto riconoscibile. Una bella idea per preparare i centrotavola del battesimo può essere quella di tagliare nel cartoncino alcune sagome di macchinine colorate e diverse da applicare poi su dei lunghi bastoncini e mettere al centro della tavola, creando, così, dei mazzi di macchinine invece che mazzi di fiori! Ogni invitato potrà portarne poi a casa una come ricordo, soprattutto se avrete scritto il nome del vostro bambino e la data della giornata.

Centrotavola monocolor

Accanto a chi cerca l’originalità e il colore, c’è sempre anche chi invece preferisce la tradizione e la classicità. In questi casi si consiglia di optare per fiori, candele e composizioni più delicate, magari concentrandosi su un unico colore che possa compensare e ravvivare il bianco, tradizionalmente associato al battesimo.

Per un maschietto, le tonalità del blu e dell’azzurro vanno per la maggiore: in questo caso, si potrebbe pensare al mare come filo conduttore delle decorazioni e dei centrotavola. In alternativa, anche il verde è molto in voga: colore gentile e positivo, trasmette un’idea di serenità e di speranza. Perfetto per il battesimo del vostro piccolo!

Centrotavola cartoni animati

Inutile dire che i cartoni animati possono fornire moltissimi spunti, sia che si tratti della Disney che della Pixar. Essi rappresentano il grosso dell’immaginario dei vostri bambini.

Sebbene il battesimo si organizzi solitamente quando i bambini sono molto piccoli, è probabile che inizino già a dimostrare interesse per un film d’animazione piuttosto che un altro e che abbiano i loro piccoli eroi. Preparare i centrotavola per il battesimo ispirati alle loro prime preferenze può essere un atto davvero dolce da parte dei genitori: il vostro bimbo lo apprezzerà quando sarà più grande.

© Riproduzione riservata