Canzoni per battesimo: informazioni utili per non sbagliare

Tutta la cerimonia del battesimo sarà accompagnata da musica e canzoni, sia durante la celebrazione liturgica che il ricevimento.

La musica è ovunque: quando andiamo a fare la spesa al supermercato, quando lavoriamo e mettiamo le cuffie all’orecchio, quando siamo in auto e cerchiamo la nostra stazione preferita, ma, soprattutto, la musica è alla base delle celebrazioni. Le canzoni sono le anime che muovono le feste, anche il battesimo.

Le nostre proposte

I migliori titoli di canzoni liturgiche

Il battesimo è un precetto religioso e come tale richiede delle canzoni liturgiche che ovviamente sono cantate in chiesa. Per prima cosa quando si entra in un luogo sacro durante tali occasioni, vi è un’accoglienza: come nel matrimonio c’è la marcia nuziale, nel battesimo c’è un inno, il 35, che accoglie i bambini all’ingresso per il sacro rito. Dopo questo il sacerdote comincia ad enunciare i suoi precetti e a dialogare con i genitori, subito dopo segue un canto, il 41, che è un momento di riunione liturgica. Dopo questi due si hanno gli interventi musicali quali suggerisco:

  • il salmo 22 “Il Signore è il mio pastore”,
  • il salmo 26 “Il Signore è mia luce e mia salvezza“,
  • il salmo 33 “Benedirò il Signore in ogni tempo”.

A seguito di questi si avrà una conclusione celebrativa che benedirà l’attimo santo e potrà essere seguito da il canto della Beata Vergine, preceduto o meno da una antifona appropriata, può essere eseguito mediante un tono salmodico, magari l’ VIII Gregoriano più conosciuto, a cori alterni tra celebrante e assemblea.

Quali canzoni usare durante il ricevimento?

Il tipo di intrattenimento dei vostri ospiti dipenderà dal target di adulti a cui vi riferite, o meglio se sono tipo da scatenarsi in pista o se sono quiete anime su una sedia con tanto di musica in sottofondo. Ad ogni modo, se sapete che sono tipi da trenino di carnevale optate per balli di gruppo e fateli scatenare in pista con canzoni latine. Nel caso in cui siano e siate per qualcosa di più tranquillo prediligete musica italiana che è più facile da canticchiare, magari potete inserire nel vostro ricevimento l’opzione karaoke, vedrete che risate quando gli stonati daranno fiato al microfono. Ma ho per voi un altro suggerimento, potete scegliere delle canzoni popolari che conoscano tutti e che magari vengono anche ballati in uno stile unico e tipico del luogo d’origine. Su datevi da fare e scegliete il vostro repertorio musicale, io do lo spunto e voi agite per azionare il congegno melodico.

Quali canzoni usare per il video da battesimo?

Diverso è il caso in cui dovete scegliere canzoni per il video del battesimo, qui non dovete riferivi a qualcuno in particolare, ma solo a voi stessi e a me. A parte gli scherzi, suggerisco di non cadere in qualche testo troppo sdolcinato o internazionale. Sarebbe ideale scegliere delle canzoni strumentali, ossia senza voce, solo semplici note suonate da uno o più strumenti trasportino nello scorrere del video. Sembra inusuale, in realtà vi permetterà di differire da tutti i video per battesimo che sono stati registrati, pensate ad una suonata di pianoforte che sa delicata, ma nel contempo porti ad un coinvolgimento sentimentale. Non so quanti di voi abbiano visto il film “Il pianista sull’oceano“, ma per chi l’ha fatto sa che quello di cui sto parlando è reale. Quando il protagonista della pellicola comincia a giocare con passione sui tasti nella sala da ballo, tutti i presenti restano esterrefatti dall’accaduto, ecco noi vogliamo che succeda questo quando proiettate il vostro video, che sia una visione personale o in compagnia di amici e parenti.

Quanto deve durare una canzone per battesimo?

Per quanto concerne la durata di una canzone per battesimo, non potete certo sperare per un concerto all’Opera che dura ore. Qui siamo su una celebrazione semplice, è si importante perché indica sia un’unione religiosa e sia un legame più profondo tra il bambino/a e i genitori. E’ cosa risaputa che l’ingresso in un credo religioso proviene soprattutto a partire dai procreatori, un passaggio tra padre, madre e figlio a un qualcosa di mistico. Un po’ come avveniva in tempi antichi, che tramite il passaparola trasmettevano leggende mitiche e messaggi morali. Bando alle ciance, la durata di una canzone non deve essere né eccessiva, né minima e cioè al massimo potete scegliere una canzone di tre o quattro minuti. Certo è che alcune canzoni hanno durata maggiore, talvolta dovuta a introduzioni strumentali e poi si parte con l’intonazione vocale, quindi probabile che alcune canzoni che sceglierete sono più lunghe. La scelta è personale, ma io vi consiglio di non sforare troppo rispetto ai minuti indicati, non che io sia onnisciente, ma più dura una canzone e più diventa difficile prestare attenzione. Per essere più chiara vi faccio un esempio: durante una lezione universitaria il docente non manteneva mai la stessa tonalità di voce, questo per mantenere costante l’attenzione da parte degli studenti. Dunque vale lo stesso per una canzone, scegliete qualcosa che abbia diverse sfumature di volume, ma che non perduri a lungo. Sono sicura che abbiate recepito il messaggio.

Siamo arrivati alla fine di questa breve guida che presenta alcuni consigli circa la musica e le canzoni da scegliere per un battesimo. Spesso si agisce troppo in fretta, senza pensare troppo, magari prendendo delle decisioni azzardate. Questo atteggiamento è per alcuni aspetti positivo, per altri, invece, negativo, in quanto talvolta può portare buoni esiti, altre volte il contrario.

Quindi, in casi come questi è bene tenere presente che ci sono degli standard celebrativi da rispettare e seguire. Il battesimo, come il matrimonio e il resto delle celebrazioni religiose e non solo, richiedono una forte e precisa liturgia, perciò sarebbe bene rispettarla. Basti pensare, ad esempio, al primo ballo di apertura delle danze eseguito dagli sposi, questo è un classico che chiunque attende durante la cerimonia.

© Riproduzione riservata